Francia, coprifuoco fino a lunedì in una zona della Borgogna

1' di lettura

Circolazione vietata dalle ore 22 di venerdì 20 alle ore 6 del 23 novembre in un quartiere della città di Sens, a sud della Capitale. Trovato un covo con armi e documenti falsi. Sale a 130 il bilancio della strage jihadista a Parigi. Prosegue la caccia al super-ricercato in fuga Salah Abdeslam

Per la prima volta dalla proclamazione dello stato d’emergenza – prorogato a tre mesi – in Francia è stato istituito un coprifuoco. La zona interessata è il quartiere Champs-Plaisants della città di Sens, a sud di Parigi. E’ stata dunque vietata la circolazione a persone e a vetture tra le 22 di venerdì e le 6 di mattina di lunedì 23 novembre. Durante le perquisizioni effettuate nei giorni scorsi, nel sobborgo della Borgogna sarebbe stato ritrovato un deposito di armi e una serie di documenti falsi.

 

 

 

Sale il bilancio delle vittime  - Proseguono, intanto le indagini e il lavoro delle forze dell’ordine dopo la strage a firma jihadista che ha causato la morte di 130 persone: è infatti salito il bilancio delle vittime dell’assalto dopo il decesso di un uomo rimasto ferito una settimana fa (le fotoi video).

 

Caccia a Salah – Nella notte tra il 19 e il 20 novembre sono state effettuate 182 perquisizioni e 17 fermi in tutto il Paese. E prosegue la caccia al super-ricercato in fuga Salah Abdeslam: sulle sue tracce anche gli stessi terroristi dell'Isis che lo accusano di 'vigliaccheria' per non essersi fatto saltare in aria.


Tre i morti a Saint Denis – Infine, nel covo dei terroristi a Saint-Denis è stato trovato un altro corpo, appartenente a un uomo. Sono dunque tre i morti del blitz delle teste di cuoio: fra essi c'è Hasna Aitboulachen, la cugina di Abaaoud che, contrariamente a quanto detto in un primo momento, è stata uccisa dagli agenti e non ha azionato la cintura esplosiva che aveva addosso.



Leggi tutto