E' ancora caccia a Salah, Abaaoud morto nel blitz a Saint Denis

1' di lettura

Nuova operazione della polizia a Charleville, nelle Ardenne. Confermata la morte della mente degli attacchi di Parigi. Giallo sulla sorte dell’altro terrorista autore degli attentati di venerdì 13. Valls: “Non sappiamo dove sia”. E aggiunge: “Rischio attacchi con armi chimiche e batteriologiche". Esteso di tre mesi lo stato d'emergenza

La cronaca della giornata

 

Abdelhamid Abaaoud (LE FOTO), la mente degli attentati di Parigi, è morto nel blitz a Saint-Denis: è stato identificato dalle impronte digitali e il suo corpo è stato ritrovato, "crivellato di colpi", nell'appartamento-covo nella banlieu parigina. Il ministro dell’Interno Cazeneuve ha confermato che il jihadista ha avuto "un ruolo-chiave" nella strage di venerdì scorso e che anzi era coinvolto in quattro dei sei attentati sventati in Francia dopo la primavera.

Mistero su Salah - Continuano invece a rincorrersi le voci che vogliono morto o ancora vivo Salah Abdelslam. Un testimone belga sostiene di aver avuto una conversazione con il super-ricercato martedì a Molenbeek. "Mi ha detto che si sente sopraffatto e che si era spinto troppo oltre, ma che ha paura di consegnarsi perché questo potrebbe avere conseguenze sulla sua famiglia". Altre fonti belga sostengono invece che sia morto e non aiutano a fare chiarezza le parole del premier Valls, che ammette: ”Non sappiamo dove sia”.

 

Armi chimiche  -  Il premier ha inoltre avvertito che “c’è il rischio che i terroristi usino armi chimiche e batteriologiche". Nel clima di perdurante tensione, il Parlamento francese ha accolto la richiesta di prolungare per tre mesi lo stato d'emergenza mentre i poliziotti potranno portare armi anche se non in servizio.


Blitz, un arresto, perquisizioni - Il governo belga ha annunciato nuove misure anti-terrore, che comporteranno anche la modifica della Costituzione, e le forze speciali hanno condotto numerosi raid in diversi sobborghi di Bruxelles, alla ricerca di persone vicine a Bilal Hafdi, il kamikaze 20enne dello Stade de France, di nazionalità francese ma residente in Belgio. A metà pomeriggio, la polizia belga aveva arrestato nove persone. Nuovo blitz anche da parte delle forze di polizia francesi; nel mirino Charleville-Mezieres nelle Ardenne. Nell'operazione sarebbe stato arrestato un cittadino di nazionalità francese convertitosi da poco  all'Islam.

 

Più raid -  Sul fronte politico, il presidente ha ordinato "l'intensificazione delle operazioni militari in corso  nella lotta contro lo Stato Islamico in Iraq e Siria". E' quanto si legge in un comunicato diffuso dall'Eliseo dopo la riunione del  Consiglio di Difesa convocato da Hollande per discutere le operazioni contro l'Is responsabile degli attacchi del 13 novembre.

 

La cronaca della giornata  

 

 

Leggi tutto