Facebook apre all'uso di pseudonimi: test da dicembre

1' di lettura

Dopo la battaglia delle comunità Lgbt, trans e dei Nativi Americani, il social network renderà più difficile segnalare gli utenti che utilizzano nomi diversi da quelli indicati sui documenti. Intanto Instagram lancia una nuova sfida a Twitter: arrivano canali video tematici

Facebook è pronta a permettere nuovamente l'utilizzo di nomi di fantasia o pseudonimi per andare incontro alle richieste della comunità Lgbt e di quella dei nativi americani. La policy del social network chiede infatti l'utilizzo di nomi veri per iscriversi alla piattaforma ed è possibile segnalare gli utenti che utilizzano nomi falsi. In una lettera che il manager Alex Schultz ha inviato alle organizzazioni per i diritti civili, viene annunciata la futura modifica delle regole, con i primi test a dicembre, così da andare incontro alle esigenze di chi non si riconosce nell'identità indicata dal nome reale, come appunto transgender e nativi americani.

 

Le modifiche del social network - Secondo quanto scritto dal manager, ci saranno due modifiche. Una impedirà l'abuso della segnalazione, rendendola più difficile e scoraggiando, di fatto, chi spesso la utilizza come strumento per colpire un altro utente. L'altra farà sì che se si dovesse scegliere un nome di fantasia, Facebook chiederà il motivo. "Aiuterà il nostro team a capire meglio la situazione", spiega Alex Schultz.

 

Le polemiche - L'apertura arriva dopo quasi un anno di polemiche e in particolare dopo una lettera alla compagnia da parte di varie organizzazioni, tra cui la Electronic Frontier Foundation, storica associazione per la difesa dei diritti digitali, e Human Rights Watch. “E' ora - si legge nel testo diffuso all'inizio di ottobre – di dare protezione a tutti coloro che usano e dipendono da Facebook come principale modo per esprimersi e comunicare online”.

 

Le novità su Instagram – Di diversa natura le novità per quanto riguarda Instagram, altro social network di proprietà di Facebook, che inaugurerà canali video tematici. Il lancio è avvenuto negli Usa in occasione di Halloween, con lo staff del social dedicato alle immagini che ha selezionato e messo insieme i video più curiosi postati dagli utenti. La novità, che vedrà in futuro il lancio di altre raccolte di video, mette la piattaforma in competizione con Twitter Moments ma anche con Snapchat, la chat usa e getta che raccoglie le “Live Stories” degli utenti.

 

Leggi tutto