Turchia, trionfa Erdogan: la mappa del nuovo Parlamento

1' di lettura

L’Akp del Sultano torna alla maggioranza assoluta con il 49,4% dei voti e 316 seggi. Il partito filo-curdo Hdp riesce anche stavolta a superare la soglia di sbarramento del 10%. Nel sud-est a maggioranza curda esplode la rabbia per il risultato

Il nuovo Parlamento turco sarà ancora più a trazione Erdogan rispetto a quello venuto fuori dal voto dello scorso giugno, in virtù della maggioranza assoluta conquistata dall'Akp, il partito conservatore filo-islamico del presidente. In calo i curdi, dimezzati i nazionalisti, i socialdemocratici tengono. Erdogan però resta sotto la soglia dei 330 seggi necessaria per votare una modifica in senso presidenzialista della Costituzione, che (in mancanza del voto dei 2/3 dell'assemblea) dovrebbe comunque poi essere approvata da un referendum popolare.




La mappa del nuovo Parlamento:





L'AKP (partito per la Giustizia e lo Sviluppo), guidato dal premier Ahmet Davutoglu, conquista circa il 49,3% dei voti, pari a 316 seggi su 550. A giugno si era fermato poco sotto al 40% delle preferenze, equivalenti a 258 seggi.


Il socialdemocratico CHP (Partito Popolare Repubblicano) di Kemal Kilicdaroglu ottiene circa il 25,4% dei voti, pari a 134 seggi. Alle precedenti elezioni aveva preso il 24,9% delle preferenze e 132 deputati.


I nazionalisti dell'MHP (Partito del Movimento Nazionalista) si attestano intorno all'11,9%, con 41 seggi. A giugno avevano ottenuto il 16,2% e 80 seggi.


I filo-curdi dell'HDP (Partito Democratico del Popolo) si attestano al 10,6% delle preferenze, con un arretramento rispetto al 13% di giugno. Adesso potranno contare su 59 seggi, rispetto agli 80 delle precedenti consultazioni.





Leggi tutto