A San Francisco arrivano le (finte) No-Tech Zone

Credit: Cash Studios
1' di lettura

Un ex dipendente di Facebook ha affisso una serie di cartelli nelle aree verdi della città, definite “zone senza tecnologia”, in cui sarebbero previste finte multe da 300 dollari per i trasgressori. Una provocazione per invitare a riflettere sul ruolo di smartphone e tablet sempre più pervasivi nel nostro tempo libero

Il primo cartello è comparso il mese scorso su un palo della centralissima Alamo Square: il simbolo di divieto su uno smartphone e un “No Tech Area” a caratteri cubitali, seguito dal testo: “Cellulari, tablet, laptop e altri dispositivi smart sono vietati. Previste multe di 300 dollari per i trasgressori”. Molti residenti hanno subito pensato a un nuovo, assurdo divieto delle autorità del posto, che però hanno negato qualsiasi coinvolgimento e, anzi, hanno ben pensato di rimuovere al volo il segnale. Nel frattempo su Twitter e gli altri social network era già partita il tam-tam tra sorpresa e indignazione. Sono passate poco più di tre settimane e, lo scorso weekend, i misteriosi cartelli sono di nuovo ricomparsi in diversi parchi e aree di San Francisco: è successo di nuovo ad Alamo Square, ma anche a Washington Square, Duboce Park, Mission Dolores Park, Alta Plaza Park. E questa volta è venuto allo scoperto anche l’autore del gesto: si tratta di Ivan Cash, un artista di 29 anni che in precedenza ha lavorato a Facebook e ora ha deciso di mettersi in proprio. Obiettivo dei segnali? Far riflettere le persone sul ruolo della tecnologia e dei dispositivi mobili, come è ben spiegato anche in un video realizzato dallo stesso Cash. Il filmato parte con gli annunci del 2013 sulla fornitura di wi-fi gratis in 30 parchi cittadini e poi si focalizza sulle conseguenze due anni dopo: sempre più persone attaccate al proprio smartphone, incapaci di interagire tra di loro o di godere del contatto con la natura.



“Spero che questi cartelli ci spingano a pensare più criticamente al ruolo della tecnologia e forse anche a lasciare il nostro telefono a casa un giorno a settimana - ha spiegato Ivan Cash a Fast Company - Spero che servano quantomeno a resistere all’impulso di controllare lo smartphone ogni volta che usciamo da un cinema, atterriamo da un aereo, ci fermiamo a un semaforo rosso, ci svegliamo la mattina, ci sediamo su una panchina al parco, o finiamo di leggere questo testo”.


Nel frattempo Ivan Cash ha deciso di lanciare un sito dove è possibile acquistare i cartelli. Al di là dei risvolti commerciali, l’operazione è di sicuro riuscita a riportare attenzione sul ruolo della tecnologia nelle nostre vite. Soprattutto in una città come San Francisco dove da tempo i residenti discutono dell’impatto che la vicina Silicon Valley (dove lavorano i ricchissimi dipendenti di Google, Apple e Facebook) sta avendo sulle comunità locali, tra affitti ormai alle stelle e costo della vita proibitivo per chi non lavora nel settore hi-tech.

Leggi tutto