Oregon, strage in un college: 10 morti. Ucciso il killer: aveva 26 anni

1' di lettura

L'assalitore ha ucciso 9 persone all'Umpqua Community College, di Roseburg. Prima di sparare avrebbe intimato alle vittime di dichiarare la propria fede religiosa. Obama, in diretta tv, invoca una nuova legge sulle armi, finora boicottata dal Congresso

L'America deve ancora una volta fare i conti con l'ennesima strage in un campus universitario (dal 1999 una lunga scia di sangue). Questa volta è successo in Oregon, all'Umpqua Community College di Roseburg. Dieci i morti, tra i quali il killer, sette i feriti. L'autore, il 26enne Chris Harper Mercer, avrebbe intimato alle sue vittime di dichiarare la propria fede religiosa, poi li ha uccisi con un colpo alla testa. Non solo. Il giovane, che secondo le forze dell'ordine non era uno studente dell'istituto, aveva preannunciato la sua furia omicida il giorno prima, postando sui social network e su un blog le sue intenzioni e avvisando che era meglio non farsi vedere nei pressi del campus. A rivelare l'identità del killer sono stati media americani, non la polizia. "Non vogliamo dare al killer la visibilità che forse cercava" ha dichiarato in conferenza stampa lo sceriffo.  

 


Obama: ora basta - Un massacro, l'ennesimo, che lascia l'America sgomenta e provoca la rabbia e lo sconcerto di Barack Obama. In un messaggio alla nazione, il presidente statunitense chiede con forza una riforma della legge per la vendita di armi da fuoco, per evitare che episodi del genere diventino "routine". "I pensieri e le preghiere non bastano più", dice Obama che ribadisce: "Siamo il solo Paese avanzato nel mondo che registra queste stragi ogni pochi mesi". Le attuali leggi sulla vendita di armi "non sono sufficientemente sicure". VIDEO

 

 

Di che religione sei? Poi gli spari - L'attacco avviene in piena mattinata, alle 10.30 ora locale. Terribili i racconti dei sopravvissuti. Il killer uccide con freddezza, entra sistematicamente in una classe dopo l'altra. In molti fuggono, tantissimi si barricano all'interno delle aule, spengono le luci e si nascondono sotto i banchi, lanciando allarmi disperati alle autorità tramite Twitter ("Oh mio Dio, qualcuno sta sparando nel campus", "Aiutateci"). L'omicida li fa alzare uno alla volta e chiede loro quale fede professano. Se cristiani, la sentenza è di morte.

La polizia, dopo essere intervenuta e aver ucciso il killer nel corso di uno scontro a fuoco, conferma che il ragazzo con sé aveva tre pistole e un fucile a lungo raggio. Sui social network, in seguito, sono state trovate foto del killer in posa con le sue armi e numerosi post che annunciavano la strage, con tanto di conversazioni su Internet di persone che rispondevano al delirio chiedendo spiegazioni. Tutto ora è al vaglio degli inquirenti.

 

 

 

La rabbia e la commozione -  L'America è sotto choc (rabbia e commozione alla fiaccolata per le vittime: FOTO). E' urgente intervenire, ribadisce Obama: "Quando gli americani rimangono uccisi in alluvioni e uragani, noi lavoriamo per rendere le nostre comunità più sicure. Quando gli americani rimangono uccisi nelle miniere -  sottolinea -, lavoriamo per rendere le miniere più sicure. Noi abbiamo un Congresso che addirittura blocca la raccolta di dati su come potremmo potenzialmente ridurre le morti derivanti da armi da fuoco. Negli Usa c'è più o meno un'arma ogni uomo, donna e bambino", la triste realtà. Per Obama l'idea che la costituzione vieti "anche una modesta regolamentazione" di come vengono usate armi mortali è "senza senso". Il Presidente degli Stati Uniti sottolinea che si tratta di una "scelta politica". Leggi per prevenire le stragi da arma da fuoco sono state approvate anche "in Gran Bretagna e Australia".  

Strage in un college
Guarda tutti i video

Leggi tutto