Cisgiordania, attivista italiano arrestato dall’esercito israeliano

1' di lettura

Il 31enne è stato fermato durante le proteste degli abitanti palestinesi di Nabi Saleh contro la costruzione di un insediamento. L’Ong Ism: “Stava filmando le violenze dei militari di Tel Aviv”. Il consolato italiano di Gerusalemme sta seguendo il caso

Un attivista italiano sarebbe stato arrestato in Cisgiordania nel corso di una manifestazione in un villaggio palestinese. A darne notizia è l'International Solidarity Movement, una ong di solidarietà con il popolo palestinese. E' accaduto durante la protesta che, ogni settimana, gli abitanti di Nabi Saleh compiono contro la costruzione di un insediamento israeliano nelle terre del villaggio. Il consolato generale italiano a Gerusalemme ha confermato il fermo del 31enne italiano e sta seguendo il caso.

Secondo l'ong l’attivista ricomparirà dinanzi al giudice nella giornata di domani, lunedì 31 agosto. Il giovane è accusato, sempre secondo l'ong, di aver "lanciato pietre e attaccato i soldati" durante la manifestazione.

"Un'affermazione priva di fondamento", sostengono gli attivisti visto che "l'uomo stava filmando il violento attacco delle forze israeliane a un ragazzo palestinese, che veniva aggredito e soffocato da un soldato". L'episodio, le cui violente scene sono state registrate, ha fatto il giro del mondo.

Leggi tutto