Migranti, fermato altro tir in Austria: a bordo 26 profughi, tra cui 6 minori

1' di lettura

Il camion bloccato vicino al confine con la Germania. L'autista, 29enne romeno, ha cercato di fuggire ma è stato fermato dalla polizia. Ricoverati e ora fuori pericolo 3 bimbi. Fermato un quinto uomo per la tragedia del veicolo in cui sono stati trovati 71 cadaveri. Rilasciato, invece, il camionista italiano fermato in Inghilterra

Un altro camion con dei migranti a bordo è stato fermato in Austria: sul mezzo c’erano 26 persone, tra cui 6 minori. Si dichiarano innocenti, intanto, gli arrestati per il tir scoperto giovedì scorso sull’autostrada austriaca con dentro 71 cadaveri. Rilasciato, invece, il camionista italiano fermato in Inghilterra.

Fuori pericolo i 3 bimbi - Il tir con 26 profughi a bordo è stato fermato nel distretto di Braunau, nella cittadina di St. Peter am Hart (vicino al confine con la Germania). Tra i 6 minori c'erano anche 3 bambini in gravi condizioni a causa della disidratazione: sono stati ricoverati in ospedale e ora sono fuori pericolo. “Non avrebbero resistito molto altro tempo”, dice la polizia austriaca. I migranti provengono da Siria, Afghanistan e Bangladesh. L’autista del mezzo, un 29enne romeno, quando ha visto il mezzo della polizia ha accelerato per fuggire ma poi è stato arrestato.

Si dicono innocenti gli arrestati per l’altro tir - La polizia ungherese ha reso noto di aver fermato un quinto uomo sospettato di essere coinvolto nel dramma dei 71 migranti ritrovati morti giovedì in un tir abbandonato in Austria, sulla corsia d'emergenza lungo l'autostrada Budapest-Vienna. Le autorità stanno effettuando accertamenti su "un cittadino bulgaro".

 

Intanto gli altri 4 fermati hanno detto di non aver commesso alcun crimine. Il tribunale ha deciso una detenzione cautelare di 30 giorni ma loro hanno presentato appello. A quanto si è appreso da fonti vicine all'inchiesta, uno sarebbe il proprietario dell'autocarro e gli altri lo avrebbero guidato a turno. Sono accusati in Ungheria di traffico di esseri umani. Il processo si svolge a Kecskemet, la città da dove sarebbe partito il tir prima di caricare i profughi nei pressi del confine serbo. La procura austriaca, invece, indaga sul ritrovamento dei cadaveri.

Rilasciato camionista italiano - È stato rilasciato, invece, il camionista italiano arrestato ieri nel Surrey, Inghilterra meridionale, dopo che a bordo del suo camion frigo erano stati trovati 27 migranti. Secondo una prima ricostruzione, l’uomo non sapeva che i profughi si trovassero all'interno del suo camion e sarebbero stati loro stessi a confermarlo alle autorità e a dire che erano saliti di nascosto a bordo. Episodi simili accadono spesso, in particolare quando i tir si trovano in sosta a Calais per passare lo stretto della Manica e arrivare tramite il tunnel in Inghilterra.

Leggi tutto