Turchia, polizia sotto attacco: bomba al commissariato e 5 agenti uccisi

1' di lettura

Poliziotti vittime di un assalto dei guerriglieri del Pkk curdo nella provincia sudorientale di Sirnak. Qualche ora prima era esploso un ordigno alla caserma del quartiere di Sultanebyili di Istanbul. Sparatoria davanti al Consolato Usa: fermata una donna

Una raffica di attacchi sconvolge la Turchia, portando la violenza terrorista fino a Istanbul, dove anche il consolato Usa è finito nel mirino. Già provato dagli scontri con i guerriglieri del Pkk curdo dopo la rottura della tregua il mese scorso, il Paese ha vissuto una giornata di sangue con un bilancio complessivo di 8 morti e 18 feriti in quattro diversi attentati.
Un'escalation del caos che imperversa da quando il 24 luglio Ankara ha iniziato la sua "guerra sincronizzata al terrorismo", bombardando le postazioni dell'Isis in Siria e del Pkk nel nord dell'Iraq. Negli attacchi odierni sono i gruppi eversivi di estrema sinistra a comparire sulla scena, nel giorno in cui 24 sospetti membri dell'Isis sono stati arrestati in diversi raid. Un quadro drammatico sul cui sfondo restano le tensioni politiche di un Paese ancora senza governo a più di due mesi dal voto.

Autobomba contro stazione polizia - La giornata nera di Istanbul è iniziata intorno all'una di notte, quando un'autobomba ha colpito una stazione di polizia nel quartiere asiatico di Sultanbeyli. Dieci persone, tra cui 3 agenti, sono rimaste ferite, mentre l'attentatore è morto nell'esplosione che ha causato il crollo di parte dell'edificio di tre piani. Quando poi la polizia scientifica è arrivata sul posto per i rilievi, altri attentatori hanno aperto il fuoco, ammazzando un artificiere. Uno di loro è stato ucciso dai colpi di risposta. L'attacco è stato rivendicato su Twitter dal gruppo Hsb (Unità di difesa del popolo), una sigla di estrema sinistra di recente creazione, secondo cui i suoi militanti uccisi sarebbero in realtà 4. La notizia non è stata però confermata dalle autorità.

Attacco a consolato Usa - All'alba è stato invece preso di mira il consolato americano a Istanbul, nella zona europea di Sariyer. Due donne hanno sparato contro l'edificio, difeso da imponenti misure di sicurezza, senza causare vittime né danni. Poi si sono date alla fuga. Una è riuscita a scappare, l'altra  stata raggiunta e ferita in uno scontro a fuoco con la polizia in un edificio vicino. Il suo nome è Hatice Asik, rilasciata dal carcere appena un mese fa per aver partecipato a un attentato a una stazione di polizia. Fa parte del gruppo di estrema sinistra Dhkp-c, sigla marxista-leninista che ha rivendicato l'attacco contro gli Stati Uniti "nemici dei popoli del Medio Oriente".

Scontri nel sud-est - Un clima infuocato cui si sono aggiunte le notizie provenienti dal sud-est, dove il Pkk ha ucciso 4 poliziotti facendo esplodere una mina al passaggio del loro blindato. In un altro attacco a un elicottero militare un soldato che era a una settimana dal congedo è rimasto ucciso e 7 suoi commilitoni feriti. Il bilancio delle vittime tra le forze di sicurezza turche sale ad almeno 29 nell'ultimo mese. Gli scontri sono proseguiti anche nel pomeriggio, con due attacchi simultanei a una stazione di polizia e a un posto di guardia della gendarmeria nella provincia sudorientale di Diyarbakir.

Leggi tutto