Clima, Obama: "Entro 2030 emissioni ridotte del 32%"

1' di lettura

Il presidente americano ha annunciato un piano affrontare i cambiamenti climatici. "Gli Stati Uniti devono assumere la leadership mondiale su questo tema" e ha poi ricorda che "siamo l'ultima generazione che può fare qualcosa"

Ridurre le emissioni di gas serra del 32%, le morti premature legate all'emissione di CO2 del 90% e avere 90mila casi di asma infantile in meno. Il tutto entro il 2030. Sono questi alcuni degli obiettivi dell'ambizioso piano per l'ambiente presentato da Barack Obama nel corso di un discorso alla Casa Bianca. 

 

 

 

 

Obama: "Usa assumeranno leadership nella lotta per il clima" - "Niente minaccia di più il nostro futuro e quello delle generazioni future del cambiamento climatico" ha esordito il presidente americano, che ha ricordato che "se non affrontiamo nel modo giusto" il problema dei cambiamenti climatici" potremmo passare il punto di non ritorno. "Il cambiamento climatico non riguarda solo il futuro dei nostri figli e nipoti, ma è una realtà già oggi" e rappresenta "un rischio immediato per la sicurezza nazionale" ha poi proseguito Obama. "Ci sono tempeste sempre più violente, incendi sempre più frequenti", ha denunciato il presidente americano, "i ghiacciai si stanno riducendo e questo cambia la geografia del nostro pianeta". Obama ha sottolineato che gli Stati Uniti intendono assumere la "leadership" nella lotta ai cambiamenti climatici.

 

 

 

 

Incentivare solare ed eolico - L'obiettivo del Clean Power Plan, questo il nome del piano, è ridurre le emissioni di gas serra delle centrali elettriche Usa di quasi un terzo entro 15 anni, facendo maggiore ricorso all'energia eolica e solare e ad altre  fonti rinnovabili. Il piano, definito da Obama "il passo più grande ed importante che abbiamo mai fatto" per fronteggiare i cambiamenti climatici" pone gli obiettivi, ma lascia ai singoli stati degli Usa decidere le modalità per raggiungerli. Abbiamo solo un  Pianeta, non c'è un piano B", ha sottolineato ancora Obama durante la sua presentazione alla Casa Bianca. L'Agenzia Usa per l'Ambiente, ha annunciato Obama, sta fissando per la prima volta degli standard per mettere fine all'emissione senza limiti di monossido di carbonio da parte delle centrali elettriche. "Non ci sono mai stati limiti federali" del genere, mentre "le nostre centrali elettriche sono la fonte di un terzo dell'inquinamento da monossido in America", ha sottolineato.

 

 

Obama: "Siamo l'ultima generazione che può fare qualcosa" - "Possiamo ridurre le emissioni di oltre 180mila famiglie americane, entro il 2030 ridurremo le morti premature del 90%, ci saranno 90mila casi in meno di asma per i nostri bambini", ha sottolineato Obama. Il presidente ha ricordato che "non ci sono mai stati limiti per le emissioni di C02 e per il bene dei nostri figli e di tutti i cittadini, per il bene del pianeta tutto questo deve cambiare". "Siamo la prima generazione a sentire l'impatto del cambiamento climatico e l'ultima generazione che può fare qualcosa" per combatterlo ha spiegato il presidente Usa.

Leggi tutto