Inghilterra, precipita jet: muoiono matrigna e sorella di bin Laden

1' di lettura

Un aereo privato saudita, di proprietà della Salem Aviation di Gedda, controllata dalla famiglia dell'ex leader di al Qaeda Osama, è caduto su un parcheggio dell'Hampshire. Quattro le vittime. Il velivolo era partito da Malpensa

C'erano la matrigna e la sorella di Osama bin Laden a bordo del jet privato Embraer Phemon 300, decollato dall'aeroporto di Malpensa a Milano, schiantatosi in un parcheggio auto accanto all'aeroporto di Blackbushe nell'Hampshire nel sud dell'Inghilterra. Lo riferisce il Daily Mail che cita media sauditi. Sul bimotore, di proprietà della famiglia bin Laden, erano in 4: il pilota giordano, la matrigna e la sorella del fondatore di al Qaeda più un'altra persona. Secondo la polizia si è trattato di un incidente e non di un'azione criminale.

 

 

 

Matrigna e sorella Osama bin Laden su jet caduto - Secondo la società AvGen Limited che monitora gli aerei che arrivano e decollano da Heathrow, i loro rilevatori hanno intercettato i dati del velivolo. Il bimotore si sarebbe avvicinato normalmente alla pista di Blackbushe ad un'altezza di circa 400 metri per poi effettuare una repentina impennata di 175 metri e quindi iniziare a precipitare perdendo quota ad una velocità impressionate, 1.000 metri al minuto, ed quindi è stata questione di secondi.

 

La famiglia bin Laden - La famiglia bin Laden era originaria dello Yemen ma poi si trasferì in Arabia Saudita dove Mohamed, il padre di Osama, fondò un impero nel settore delle costruzioni.

Il numero di serie del velivolo caduto HZ-IBN era lo stesso di un altro aereo dei bin Laden precipitato nel 1967. Il jet apparteneva alla Salem Aviation ribattezzato così quando il fratello maggiore di Osama morì su un altro aero finito contro le linee dell'alta tensione a San Antonio in Texas nel 1988.

Data ultima modifica 01 agosto 2015 ore 16:00

Leggi tutto