I talebani confermano la morte del Mullah Omar e nominano un nuovo leader

1' di lettura

All'indomani della notizia del decesso del loro ex capo politico e spirituale, avvenuto nel 2013 per malattia, il consiglio del gruppo islamista avrebbe già eletto una nuova guida: il Mullah Akhtar Mansour. Intanto, è stato rinviato il secondo round di negoziati tra i talebani e il governo di Kabul

I talebani afghani hanno confermato la morte del loro leader, il mullah Omar. Ad anticipare la notizia del decesso era stato il governo di Kabul il quale aveva precisato che l'"imprendibile" capo politico e spirituale del gruppo islamista era morto per malattia in un ospedale di Karachi due anni fa.

E il consiglio dei talebani afghani, all’indomani della notizia della morte del Mullah Omar, avrebbe già eletto un nuovo leader, il Mullah Akhtar Mansour. Lo riporta una fonte talebana al quotidiano pachistano The Express Tribune, confermando le indicazioni del Wall Street Journal. Mansour è stato il ministro dell'Aviazione durante il regime talebano

L'assemblea ha anche eletto come vice Sirajuddin Haqqani, noto come Khalifa, che è il comandante della cosidetta 'rete Hakkani'. Secondo la fonte, i talebani "non hanno ancora fatto un annuncio ufficiale".. La nomina giunge all'indomani della notizia sulla morte (avvenuta due anni fa per malattia) del Mullah Omar.

  

Rinviati i negoziati tra Afghanistan e talebani - Intanto, è stato rinviato il secondo round di negoziati tra talebani e governo afghano. Lo riferisce un comunicato del ministero pachistano degli Esteri.  La decisione è stata presa, si legge, "alla luce dell'incertezza creata dalla notizia sulla morte del Mullah Omar". I colloqui erano previsti per venerdì 31 luglio nella località turistica di Murree, nei pressi di Islamabad. Il rinvio è stato deciso su richiesta dei ribelli islamici. "Il Pakistan e gli altri Paesi amici dell'Afghanistan - continua il comunicato - sperano che i vertici talebani continuino a impegnarsi per portare la pace".  Il primo round di colloqui si era tenuto il 7 luglio a Murree alla presenza di osservatori degli Stati Uniti e Cina.  

Leggi tutto