Obama, il primo presidente digitale. INFOGRAFICA

Getty Images
1' di lettura

Video su YouTube, follower su Facebook e Twitter,  intensa interazione sui social: per il Washington Post è in corso una rivoluzione nel modo in cui la Casa Bianca interagisce con i cittadini. I DATI

“Nel passaggio dai vecchi ai nuovi media, la Casa Bianca è diventata in pratica una casa di produzione, qualcosa che a tratti assomiglia ad un'agenzia di stampa di stato”. Chissà se a Barack Obama questo passaggio di un'attenta analisi del Washington Post sulle strategie digitali della sua amministrazione, farà piacere. Certo è che, a guardare i numeri sviscerati nell'articolo, l'affermazione non sembra esagerata. Dall'inizio dell'anno lo staff del presidente ha pubblicato su YouTube ben 400 video (18 solo in vista del discorso sullo stato dell'unione) che hanno totalizzato visualizzazioni della durata di oltre 174 milioni di minuti. Quanto alle infografiche, altro formato di comunicazione adottato da questa amministrazione, hanno già raggiunto quota 275. Il tutto mentre Obama è diventato il politico più seguito al mondo su Facebook e Twitter e gli account ufficiali della presidenza, della Casa Bianca e della first lady contano seguaci nell'ordine dei milioni.

Secondo l'articolo del Washington Post, quella in atto è una rivoluzione nel modo in cui la Casa Bianca interagisce con i cittadini, un salto in qualche modo storico: “Il primo presidente americano dell'era dei social media ha già stabilito uno standard su come i politici stabiliscono un contatto con un elettorato che ha dimestichezza con il mondo digitale. Altri hanno sfruttato la televisione, Obama è il presidente Netflix quello dei video in streaming”.

Sulla scorta dell'analisi del Washington Post, abbiamo raccolto in un'infografica alcuni dei numeri più significativi che descrivono le strategie digitali di questa amministrazione.  GUARDA L'INFOGRAFICA



Leggi tutto