Emergenza migranti, Mogherini all'Onu: “Agire subito”

1' di lettura

L'Alto rappresentante dell'Ue durante la riunione del Consiglio di Sicurezza. “Deve essere uno sforzo comune e globale". Mattarella: “L'obiettivo è salvare vite umane”. Libia alle Nazioni Unite: "Non consentiremo operazioni militari"

"Il problema dei migranti nel Mediterraneo non è solo umanitario ma è un problema di sicurezza. E noi siamo qui per agire e per agire subito, per noi è un dovere morale". A dirlo è l'Alto Rappresentante dell'Ue Federica Mogherini nel corso della riunione del Consiglio di Sicurezza dell'Onu. "Una situazione eccezionale richiede misure eccezionali", ha aggiunto, spigando che “deve essere uno sforzo comune e globale”. Mogherini ha chiarito poi che "migranti e profughi non saranno mandati indietro”. Sulla stessa lunghezza d'onda il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che dalla Spagna dice: “L’obiettivo è salvare vite umane e impedire tragedie”, prima di invitare l'Europa a non ignorare l'emergenza (SPECIALE MIGRANTI - INFOGRAFICA - VIDEO).

Le parole di Sergio Mattarella



Libia, Mogherini: “Occorre lavorare in partnership” - A proposito di una operazione navale per fermare il traffico illegale di migranti, l'Alto Rappresentante dell'Ue ha detto che il mandato è in via di elaborazione a Bruxelles e verrà sottoposto al Consiglio Europeo del 18 maggio "con la possibilità di prendere subito la prima decisione". E sulla Libia ha spiegato che occorre “lavorare in partnership per combattere i trafficanti di migranti". Sullo stesso tema il presidente della Repubblica assicura: "Attendiamo le direttive dell'Onu, non faremo nulla contro i libici, occorre il loro consenso". Mattarella poi aggiunge: "Nessuno può ignorare il fatto che i profughi che approdano sulle nostre coste cercano l'arrivo nella Ue e nessuno può negare che l'Unione può assorbirli senza pesi né traumi".

Libia a Onu: "Non permetteremo un'operazione militare" -
La Libia intanto fa sapere che non permetterà un'operazione militare: "Consentiremo solo un'azione coordinata tra l'Ue ed il governo legittimo di Tobruk, che sia un'azione azione umanitaria". A dirlo è l'ambasciatore libico all'Onu, Ibrahim Dabbashi.

Alfano: “Distribuire equamente i migranti” - Sull'emergenza migranti è intervenuto anche il ministro dell'Interno Angelino Alfano: “Ora l'Europa dimostri di essere veramente con la coscienza scossa e gli occhi aperti". E ha aggiunto: “Dobbiamo distribuire i migranti equamente fra i Paesi europei, e saremo credibili se avremmo avuto già noi la forza di distribuirli equamente sul territorio nazionale".

Il video

Leggi tutto