Strage in Svizzera, uccide familiari moglie e si suicida

1' di lettura

Un uomo di 36 anni, separato e padre di tre figli, ha ucciso i suoceri, il cognato e un'altra persona per poi togliersi la vita. Il delitto a Würenlingen, 40 chilometri a nord ovest di Zurigo

Un uomo di 36 anni ha ucciso i suoceri, il cognato e un'altra persona per poi suicidarsi, la notte scorsa, in un'area residenziale di Würenlingen, nel cantone svizzero Argovia, una quarantina di chilometri a nordovest di Zurigo.

Un testimone ha detto di aver udito quattro colpi in rapida successione, seguiti da altri
due. Alcuni corpi sono stati trovati fuori da un edificio, altri all'interno. L'autore della sparatoria, con precedenti penali, avrebbe ucciso in un primo momento i suoceri e un cognato, per poi ammazzare un'altra persona con cui non è chiaro in che rapporti fosse e togliersi la vita. Lo riferisce l'agenzia di stampa svizzera Ats citando la polizia locale e precisando che si tratta di un delitto passionale.

L'uomo, secondo quanto riferito dal capo della polizia criminale Markus Gisin, era sposato e padre di tre bambini. Viveva però separato dalla moglie, che ha anche l'affidamento dei bambini.

Leggi tutto