Elezioni Uk, Miliband: "Io responsabile della sconfitta"

1' di lettura

Trionfo di Cameron alle elezioni britanniche. Tracollo per i laburisti, col leader che annuncia le dimissioni. Lasciano l'incarico anche Nigel Farage, alla guida del partito anti-Ue dell'Ukip, e Nick Clegg capo dei Libdem

Successo elettorale superiore alle previsioni per il partito conservatore del premier uscente britannico David Cameron, che conquista a sorpresa la maggioranza assoluta dei seggi alla Camera di Comuni e ora promette "un futuro diverso per tutti". Tracollo invece per i laburisti dello sfidante Ed Miliband che si dimette: "La colpa è solo mia". "La Gran Bretagna ha bisogno di un partito laburista forte ed è tempo che qualcun altro assuma la sua leadership", ha spiegato Miliband, affermando che le redini del partito le prenderà temporaneamente la sua vice, Harriet Harman.
Lasciano la guida dei loro partiti anche il leader dell'Ukip Nigel Farage (“Mi levo un peso enorme") e quello dei Libdem Nick Clegg ("Risultato sotto le attese").

Fallisce la svolta di Ed Miliband – Se Cameron parla della “vittoria più dolce”, quella appena passata è stata la notte più brutta per Miliband. E’ stato lo stesso leader laburista a twittare dopo le prime proiezioni di voto. E il risveglio, a patto che sia riuscito a chiudere occhi stanotte, non è stato migliore. Il partito è crollato a 232 seggi (qui i risultati in tempo reale) rispetto ai 256 precedenti; è il leader che peggio ha fatto alle urne negli ultimi tempi, peggio anche dell'ex premier Gordon Brown, che aveva riportato il partito all'opposizione dopo la decade al governo di Tony Blair. "La sconfitta è dura, ma il nostro partito non smetterà mai di lottare per i lavoratori di questo paese", ha scritto su Twitter l'ormai ex capo dei Labour.


Farage si dimette - Niente da fare per Nigel Farage: il leader anti-Ue e anti-immigrazione dell'Ukip resta infatti fuori dalla Camera dei Comuni. Nel suo collegio è stato battuto di 2.000 voti circa dal conservatore Craig MacKinlay. E l'Ukip - pur ottenendo il 12,5% e crescendo rispetto alle ultime elezioni politiche britanniche - resta con un solo seggio. Un risultato questo che ha immediatamente portato Farage a dimettersi dalla guida del partito di estrema destra. Il leader del movimento politico eurofobo e antiimmigrazione ha aggiunto che deciderà dopo l'estate, a settembre, se ripresentarsi di nuovo per la leadership.

Passo indietro anche per Clegg - Quasi azzerati anche i Libdem del vicepremier Nick Clegg che hanno ottenuto appena otto seggi perdendone 46 e crollando di 15 punti percentuali. Dato che il leader ha definito "straziante" e per il quale si è assunto la totale responsabilità rassegnando le dimissioni.

Leggi tutto