Austria, scontro tra treni: un morto e diversi feriti

1' di lettura

L'incidente in una linea locale, vicino a un bosco nei pressi di Graz. Difficili i soccorsi. Alcuni passeggeri sarebbero rimasti intrappolati prima di essere estratti dalle lamiere. A causare la collisione il mancato rispetto del segnale dell'alt

Una sciagura difficilmente immaginabile, ma che poteva finire molto peggio, è avvenuta in Austria, vicino Graz, in Stiria (la mappa): due treni passeggeri si sono scontrati frontalmente mentre viaggiavano, in senso opposto, sullo stesso binario. Un macchinista è morto, un altro è ricoverato. Dieci i passeggeri in tutto: nove sono rimasti feriti, in parte in modo grave. La causa è verosimilmente un errore umano: un segnale di stop non è stato rispettato, ha dichiarato a una conferenza stampa il dirigente delle ferrovie regionali, Helmut Wittmann. "Una cosa del genere un dirigente se la può immaginare solo nei suoi peggiori incubi".

La vittima aveva 21 anni - Lo scontro è avvenuto alle 10:15 presso la stazione di Waldstein in Übelbach. Il macchinista morto era un ragazzo della zona di 21 anni. Guidava il treno diretto verso Peggau. Avrebbe dovuto aspettare alla stazione di Waldstein il segnale telefonico del capostazione con il via libera e non l'ha fatto proseguendo la corsa. Indagini sono in corso per accertare causa, dinamica e responsabilità della sciagura. La polizia criminale del Land indaga contro ignoti per omicidio colposo. Le conversazioni fra macchinista e capostazione sono registrate e si aspettano i risultati degli esami. "Abbiamo lottato a lungo" per la vita del giovane macchinista, ma senza successo, ha detto un portavoce della Croce Rossa.

Due i feriti gravi - Il secondo macchinista, di 46 anni, e una passeggera di 60 sono ricoverati con ferite gravi. Altri cinque passeggeri hanno riportato "ferite di media entità". Un altro ferite lievi e uno è illeso. Il sindaco del paese del macchinista morto, Michael Viertler, ha detto che era  "un ragazzo simpatico", è "una follia assoluta" una cosa del genere con un mezzo sicuro come il treno. Sul luogo dell' incidente, lungo il tratto Deutschfeistritz-Übelbach, paesaggio idillico con campi agricoli e ruscello, evidenti i segni della sciagura, secondo le impressioni riportate dall'agenzia Apa: squadre di soccorritori, tecnici e inquirenti. Numerosi utensili medici come siringhe, guanti, garze, bende sparsi per terra fra l'erba e le coltivazioni, assieme a vetri, oggetti e un sedile divelto. Sul pavimento dei vagoni rottami e chiazze di sangue. Completamente devastate nello schianto le cabine locomotrici.

I treni marciavano a bassa velocità
- Secondo un testimone, il treno si era fermato a Waldstein per far salire un passeggero ed era appena ripartito per Peggau quando, dopo 70-100 metri, è avvenuto lo scontro. Marciava quindi a bassa velocità. Anche l'altro treno, esistendo un limite di 50 km/h, non poteva andare ad alta velocità. Secondo Wittman, i treni a Waldstein si incrociano al massimo una, due volte al giorno. In media viaggiano su quella tratta un treno ogni ora con 800 persone al giorno. Sul luogo sono accorsi 55 soccorritori, di cui quattro medici, con dieci veicoli. I vigili del fuoco erano 120. L'Automobil Club (Oeamtc) ha inviato due elicotteri, il ministero degli interni uno. 

Leggi tutto