Cuba-Usa, Obama: "Chiesto a Congresso stop embargo"

1' di lettura

"Guardiamo al futuro, non sono interessato a combattere battaglie iniziate prima che nascessi" ha detto il presidente americano al summit delle Americhe a Panama. Raul Castro: "Obama un uomo onesto, non è responsabile dei suoi predecessori"

Dopo la storica stretta di mano fra Barack Obama e Raul Castro, al summit delle Americhe a Panama si prosegue sulla strada del disgelo tra Cuba e Stati Uniti (la fotostoria) "Guardiamo al futuro. Non sono interessato a combattere battaglie iniziate prima che nascessi" ha detto Barack Obama in merito alle relazioni fra Stati Uniti e Cuba, sottolineando che la "Guerra Fredda è  finita da tempo".

Obama: "Chiesto al Congresso di sospendere l'embargo" - "Vogliamo stabilire relazioni diplomatiche" con Cuba ha poi sottolineato il presidente americano, precisando di "aver chiesto al Congresso che cominci a lavorare per sospendere l'embargo vigente per decenni". "Il fatto che io e Castro ci sediamo qui è un’occasione storica", ha aggiunto, gli Stati Uniti "non rimarranno prigionieri del passato".

Castro: "Obama uomo onesto" - "Sono sei vertici che Cuba viene esclusa da questi summit, prenderò quindi più tempo degli otto minuti previsti per il mio intervento" ha detto poi il presidente cubano Raul Castro, prendendo la parola e definendo un "discorso interessante" l'intervento di Obama. Castro ha anche definito Obama "un uomo onesto" e "umile", che "non è responsabile per i 10 presidenti che lo hanno preceduto".

Leggi tutto