Francia, exit poll: vince Sarkozy, male Hollande. Fn a secco

Nicolas Sarkozy (Getty)
1' di lettura

Al secondo turno del voto amministrativo la coalizione di centrodestra guidata dall’Ump dell’ex presidente avrebbe conquistato tra le 66 e le 71 province, rispetto alle 41 che già controllava. Nessun dipartimento per il Front National, ma Le Pen esulta

"La vittoria si avvicina, i francesi hanno bocciato in massa la politica di Francois Hollande e del suo governo". Torna a fare festa Nicolas Sarkozy, dopo tre anni di sconfitte e processi. Alla fine, si concede anche il tanto atteso bagno di folla che la destra Ump sembrava aver dimenticato.
Secondo gli exit poll del secondo turno delle elezioni amministrative in Francia, la coalizione di centrodestra guidata dall’Ump dell’ex presidente ha conquistato tra le 66 e le 71 province, rispetto alle 41 che già controllava.

Socialisti ko, Front National senza exploit - Sconfitta pesante, invece, anche se con un sussulto che ha evitato il disastro, per il Partito socialista, che perde metà dei dipartimenti che aveva sul territorio. Al governo qualcosa cambierà, anche se Manuel Valls, che ha subito ammesso la vittoria del centrodestra, aveva annunciato che questo risultato non avrebbe avuto conseguenze. Niente exploit per Marine Le Pen, con il Front National che non riesce a conquistare il suo primo dipartimento. Ma la leader vede comunque il bicchiere mezzo pieno: "Il risultato storico di questa sera pone il Front National come grande forza politica. E' la base per le vittorie di domani".

Esulta Sarko
- "Stasera, la destra ha nettamente vinto le elezioni dipartimentali. Mai, nella Quinta repubblica, la destra aveva raggiunto un risultato del genere": queste le prime parole di Nicolas Sarkozy.


Valls: "Vittoria incontestabile della destra"
- "La destra repubblicana ha conquistato una vittoria incontestabile", ha commentato invece il premier socialista Manuel Valls, che ha ammesso la sconfitta della gauche alle elezioni dipartimentali francesi.
"La sinistra, troppo dispersa, troppo divisa al primo turno, conosce un netto arretramento, nonostante un buon bilancio dei governi dei dipartimenti", ha aggiunto.

Leggi tutto