A320, porta della cabina chiusa? Codice poteva sbloccarla

1' di lettura

Un'assistente di volo spiega a Sky TG24 che “c’è una password per l’apertura automatica. Ma può essere bloccata dall’interno”. Cosa che ha fatto il copilota del volo della Germanwings come conferma la Procura

Il comandante dell'A320 è rimasto chiuso fuori dalla cabina di pilotaggio e ha tentato di sfondare la porta. L’indiscrezione del New York Times, che cita estratti delle registrazioni della scatola nera ritrovata, è stata confermata dalla Procura di Marsiglia durante la conferenza stampa. Il copilota si è chiuso dentro e ha voluto distruggere l'aereo provocando l'incidente di martedì scorso costato la vita ai 150 passeggeri a bordo.

Nel nastro (cos'è e come funziona la scatola nera: video), che ha registrato gli ultimi 8 minuti fatali dell’Airbus A320, si sente il pilota "all'esterno bussare (prima) leggermente sulla porta, poi con forza senza mai ricevere risposta. Fino a un presunto tentativo di abbattere la porta. Ma era davvero impossibile aprire quella porta per il pilota che era rimasto all’esterno?

Un'assistente di volo Alitalia, in una mail inviata a SkyTG24, spiega che in realtà è possibile farlo. “Esiste infatti una procedura codificata con una password, che conosce l’equipaggio, che viene usata in caso di emergenza. Una volta digitata la porta si apre dopo 30 secondi e resta aperta per 5 secondi. Solo il comandante all’interno può vanificare volutamente l’apertura della porta cancellando questa procedura”. Cosa che ha fatto, come ricostruito dalla Procura, il copilota della Germanwings schiantatosi sulle Alpi francesi.

Leggi tutto