Ucraina, tregua fragile. Merkel: pace estremamente difficile

1' di lettura

La cancelliera: "Non c'è nessuna garanzia che il cessate il fuoco funzioni". Ue: "L'imperativo è che finisca ogni scambio di colpi". Kiev denuncia: uccisi almeno 5 soldati, 21 i feriti

Le notizia di nuovi scontri e morti in Ucraina, almeno 5 secondo Kiev, a quasi due giorni dall'entrata in vigore dell'accordo di Minsk, induce al pessimismo Angela Merkel. Il cancelliere tedesco, uno dei 4 firmatari dell'intesa, ha detto che la "situazione è fragile" e che il processo che dovrebbe portare ad una pace complessiva è "estremamente difficile".

La Ue: finisca ogni scambio di colpi - Più positivo il bilancio dei primi giorni di cessate il fuoco tracciato dall'unione europea che, attraverso la portavoce di Federica Mogherini, Maja Kocijancic, fa sapere che in base ai rapporti di "osservatori sul campo", la tregua nell' Ucraina orientale "sta tenendo, nonostante un certo numero di incidenti". Ma, precisa, "l'imperativo è che gli accordi di Minsk siano messi in atto in pieno e questo significa che ogni scambio di colpi si deve fermare".

#OSCE Special Monitoring Mission to #Ukraine Deputy Chief Monitor A.Hug to visit #Kramatorsk,#Soledar,#Debaltseve http://t.co/UImumU8oXf

— СММ ОБСЄ в Україні (@OSCE_SMM) 16 Febbraio 2015 >

Kiev, 5 militari morti e 25 feriti in 24 ore - Ma è alta tensione a Debaltsevo, importante snodo ferroviario a metà strada tra Lugansk e Donetsk. Nonostante il cessate il fuoco, infatti, i separatisti ucraini continuano a martellare con colpi di artiglieria la città dove da giorni sono assediati 5.000 soldati ucraini. Secondo fonti militari di Kiev almeno 5 soldati sono stati uccisi e 21 sono rimasti feriti.

Leggi tutto