Isis, Onu denuncia: "Bimbi crocifissi e sepolti vivi"

1' di lettura

Il comitato delle Nazioni Unite sui diritti dei bambini lancia un appello affinché le forze di governo irachene si impegnino maggiormente per proteggere i minori e le loro famiglie dai terroristi dello Stato islamico

L'Isis uccide, tortura e violenta sistematicamente bambini e famiglie di gruppi minoritari in Iraq: è quanto emerge da un rapporto dell'Onu pubblicato a Ginevra. I bambini, riporta il documento, in molti casi vengono anche "crocifissi", "decapitati" e "sepolti vivi".
Il comitato delle Nazioni Unite sui diritti dei bambini lancia un appello affinché le forze di governo irachene si impegnino maggiormente per proteggere i bambini e le loro famiglie.

L'appello all'Iraq: "Fate di più" - Il rapporto cita "molti casi di esecuzioni di massa di bambini, così come notizie di decapitazioni, crocifissioni di bambini e sepolture di bambini vivi". Il governo iracheno ha chiesto ripetutamente di avere più armi dall'Occidente e un maggiore addestramento delle sue forze. Da parte sua, l'agenzia dell'Onu ha esortato a fare di più, sottolineando che l'Iraq deve "prendere tutte le necessarie iniziative per assicurare la sicurezza e la protezione dei bambini e delle loro famiglie".

Fonti siriane: "Isis ordina rimozione di croci da chiese in Siria"- Nelle stesse ore, media siriani delle opposizioni, che a loro volta citano fonti della Chiesa siriaca siriana, hanno riferito che gli jihadisti dello Stato islamico hanno imposto la rimozione delle croci e crocifissi dalle chiese di Tel Hamis, una località a maggioranza cristiana nel nord-est della Siria.

Leggi tutto