Isis, Amman giustizia al-Rishawi dopo l'uccisione del pilota

1' di lettura

La kamikaze uccisa insieme a un altro prigioniero. L'esecuzione dopo che i terroristi avevano pubblicato il video sulla morte dell'ostaggio. Rabbia nel mondo islamico: "Solo Allah può punire con fiamme". Fonti vicine al governo: "Bombardata Mosul"

E' stata giustiziata all'alba di mercoledì, ad Amman, Sajida al-Rishawi, la donna irachena condannata per gli attentati del 2005 nella capitale giordana. Lo ha detto un portavoce del governo, che aveva tentato di trattare il suo rilascio in cambio della liberazione del pilota barbaramente ucciso dall'Isis. Giustiziato anche un altro prigioniero, Ziad al-Karbouli.
Il pilota Muath al-Kaseasbeh era caduto nelle mani dei militanti dell'Isis nel dicembre scorso, quando il suo F-16 cadde vicino a Raqqa, in Siria, capitale di fatto del Califfato. Fino ad oggi è l'unico pilota della coalizione ad essere stato catturato dall'Isis.

"Bombardata Mosul". Rabbia islamica contro l'Isis - Le reazioni all'uccisione del pilota non sono mancate anche nelle ultime ore. Nella serata di mercoledì fonti vicine al governo hanno poi annunciato di aver bombardato bombardato Mosul, uccidendo 55 membri dell'Isis tra cui un loro leader, Abu-Obida AL-Tunisian.
Il mondo arabo è invece stato coeso nel condannare l'esecuzione del pilota giordano Moaz al Kasasbeh da parte dell'Isis. A partire dalle istituzioni islamiche. La prima reazione dell'Università al Azhar, cuore della cultura sunnita, è stata una fatwa che permette "la crocifissione e l'uccisione" degli uomini del califfato di Abu Bakr al Baghdadi. Si tratta della citazione di un verso del Corano che indica la pena da applicare nei confronti di chi "uccide sfrenatamente gli innocenti senza peccato", come precisato dal Grand Imam Ahmed al Tayeb. Lo sceicco di al Azhar ha ricordato che in base ai precetti dell'Islam "solo Allah può punire con le fiamme", cosa che "non è concessa agli esseri umani". Tayeb ha invitato dunque la comunita' internazionale a combattere contro "chi ha offeso l'Islam e il profeta Maometto".

Mattarella: "Orrore per barbara uccisione" - L'uccisione del pilota ha suscitato un forte sdegnoanche nel resto della comunità internazionale, inclusi le Nazioni Unite e il presidente degli Stati Uniti Barack Obama. Il neo-capo dello Stato Mattarella ha parlato in un messaggio di "orrore" per la "barbara uccisione del tenente dell'Aeronautica giordana, Moath El-Kassasbeh" e ha voluto "condannare con la massima fermezza questo gesto di efferata violenza". condannando "la cecità del fondamentalismo". Il premier Matteo Renzi a Sky TG24 afferma che "l'orrore e il raccapriccio per il nuovo video dell'Isis sottolineano la necessità e l'urgenza della lotta al terrorismo. Di fronte a una simile barbarie, la risposta della comunità internazionale e della democrazia deve essere inflessibile: più libertà e sicurezza, contrasto senza quartiere dei terroristi".

Leggi tutto