Isis, attacco kamikaze e scontri: 23 morti in Iraq

1' di lettura

Le vittime, tutti uomini della sicurezza, sono state ferite a morte durante l'agguato in una moschea e nel corso degli scontri a fuoco con gli jihadisti.  Lo riferiscono fonti ufficiali di Baghdad

Due attentati kamikaze, seguiti da scontri nella provincia irachena di al-Anbar, hanno causato la morte di almeno 23 uomini delle forze di sicurezza. I kamikaze hanno attaccato una moschea nell'area di al-Jubba di al-Anbar, dove si riposavano le forze anti-jihadiste, e ucciso almeno 10 uomini; negli scontri seguiti agli attentati sono morti altri 13 uomini delle forze di sicurezza.

Jubba si trova vicino alla base aerea al-Assad, dove sono di stanza anche le truppe americane, e non lontano da Baghdad, in una zona che è stata teatro di pesantissimi scontri tra le forze di sicurezza e i jihadisti dell'Isis. Nessuno ha ancora rivendicato gli attacchi, ma gli attentati con kamikaze sono una tattica utilizzata quasi esclusivamente dagli estremisti sunniti in Iraq, tra i quali gli jihadisti del 'califfato'.

Leggi tutto