Il Papa: “Vescovi e cardinali non si sentano mai padroni”

1' di lettura

Bergoglio, in un discorso per gli auguri di Natale, elenca le patologie in agguato per ogni chiesa. Tra queste il sentirsi immortale, l’alzheimer spirituale e il terrorismo delle chiacchiere

Il Papa, in un forte discorso alla Curia per gli auguri di Natale, ha elencato e analizzato 15 malattie sempre in agguato per ogni chiesa e per la curia invitando alla riflessione, alla penitenza e alla confessione. Tra queste “quella di sentirsi immortale, il cuore di pietra e il duro collo, l'alzheimer spirituale, la schizofrenia esistenziale, il terrorismo delle chiacchiere”. E ha ammonito: “Vescovi e cardinali non si sentano mai padroni”. In particolare, per Francesco la prima è la "malattia del sentirsi immortali, immuni da difetti, trascurando i controlli" un corpo che non fa "autocritica, non aggiorna e non cerca di migliorarsi, è un corpo infermo". Il Papa ha suggerito una "ordinaria visita ai cimiteri, dove vediamo i nomi di tante persone che si consideravano immuni e indispensabili".

Per Bergoglio "è bello pensare alla curia romana come piccolo modello di chiesa, cioè corpo che cerca quotidianamente di essere più unito e armonioso, un corpo complesso con diversi elementi non con medesimo compito, ma coordinati per un funzionamento esemplare, efficace nonostante la diversità dei membri".

Poi ha osservato: "Una volta ho letto che i sacerdoti sono come gli aerei, fanno notizia solo quando cadono, ma ce ne sono tanti che volano. Frase simpatica ma molto valida, e pensiamo a quanto male potrebbe causare un solo sacerdote che cade a tutto il corpo della Chiesa". Francesco ha anche raccontato di "un prete che chiamava i giornalisti per raccontare cose riservate dei confratelli e per lui contava solo vedersi sulle prime pagine dei giornali e così si sentiva potente e avvincente, poverino".

Leggi tutto