Stati Uniti, si dimette il capo del Pentagono Hagel

1' di lettura

Obama annuncia il passo indietro del responsabile della Difesa americano. Il New York Times: a pesare nella decisione le recenti crisi che hanno investito la presidenza, come l'epidemia di ebola e l'Isis

"E' arrivato il momento che Chuck Hagel lasci la guida del Pentagono". Con queste parole il presidente americano, Barack Obama ha annunciato le dimissioni del capo del Pentagono.
La notizia era stata anticipata dal New York Times. Secondo il quotidiano Hagel viene di fatto usato dalla Casa Bianca come capro espiatorio per le recenti crisi che hanno investito il presidente, come la lenta risposta all'epidemia di ebola e la minaccia posta dagli jihadisti unnisti dello Stato Islamico.

Chi è Hagel - L'ormai ex ministro della Difesa Hagel venne nominato il 7 gennaio del 2013 da Barack Obama, che lo definì "il leader che le nostre truppe meritano", al posto del democratico Leon Panetta.
Eroe pluridecorato del Vietnam, 68 anni, è stato senatore per il Gran Old Party (Gop) per il Nebraska dal 1997 all 2009. Al Congresso conobbe il giovane senatore dell'Illinois Obama. Hagel votò nel 2003 per la guerra in Iraq per poi diventarne uno strenuo critico, e venne scelto da Obama per gestire il ritiro dall'Afghanistan. Hagel venne considerato all'inizio del suo mandato un nemico di Israele perché si opponeva alle sanzioni contro l'Iran.

Leggi tutto