Hong Kong, uomini mascherati assaltano le barricate

1' di lettura

Almeno 500 persone con il volto coperto hanno tentato di smantellare le postazioni dei manifestanti pro-democrazia, che puntano il dito contro le Triadi. Effettuati diversi arresti

Torna la tensione a Hong Kong tra gli ultimi manifestanti pro-democrazia che ancora occupano le vie della città e alcuni dimostranti anti-Occupy. Un tafferuglio è scoppiato tra un gruppo di circa 500 persone con il volto coperto e gli ultimi irriducibili nell'area di Admiralty. Gli uomini con il volto coperto (e non la polizia come si era creduto in un primo momento) hanno cercato di rimuovere le barriere che bloccano l'accesso allo slargo, occupato dall'inizio ufficiale delle proteste, due settimane fa. Ci sono stati arresti.

Gli occupanti accusano la criminalità organizzata - Gli scontri sono avvenuti quando alcuni gruppi di uomini, molti con indosso mascherine chirurgiche, sono arrivati ad Admiralty, dove si era già radunata la polizia per smantellare le barricate erette nei giorni scorsi. Due degli attaccanti sono stati anche placcati dalla polizia e spinti al suolo, mentre gli agenti formavano un cordone attorno al gruppo mascherato. Intanto i manifestanti, che già nei giorni scorsi sono finiti nel mirino dei criminali al soldo della mafia cinese, gridavano a gran voce "Armi, armi" e "Fermate le Triadi". La tv ha anche mostrato le immagini di un uomo costretto a lasciar cadere terra un piccolo coltello a serramanico.

Protestano anche i tassisti - Ad aggiungere ulteriore caos, la presenza di numerosi tassisti, esasperati dalle oltre due settimane di proteste che hanno bloccato strade e traffico, i quali si erano radunati sul sito, suonando i clacson. Alcuni avevano stampato sulle loro auto la scritta: "Non ne possiamo più". Intanto, un gruppo di dimostranti pro-Pechino, che si oppongono agli studenti e agli attivisti pro-democratici di Occupy Central, si sono riuniti attorno all'area degli edifici governativi dell'isola, nonostante il divieto di assemblea posto oggi dall'amministrazione di Hong Kong, proprio in quell'area per ragioni di sicurezza. Nella mattinata, erano rimasti circa duecento manifestanti nelle aree di Hong Kong dove si è svolta la protesta di queste ultime due settimana, cento dei quali nella sola Admiralty, cuore delle manifestazioni pro-democratiche.

Leggi tutto