Il Papa apre il Sinodo della famiglia: basta cattivi pastori

1' di lettura

"Le Assemblee sinodali non servono per discutere idee belle e originali, o per vedere chi è più intelligente", ha ammonito il Pontefice. "Il Signore ci indichi il cammino" ha scritto in un tweet. Fra i nodi, la comunione per i divorziati risposati

"Curare la vigna del Signore, basta cupidigia di potere e superbia". Lo ha detto Papa Francesco puntando il dito contro i "cattivi pastori" nell'omelia della messa inaugurale del Sinodo dei Vescovi, da lui presieduta a San Pietro.



Con la messa solenne, il Santo Padre ha così aperto il suo primo Sinodo: assemblea straordinaria sulle sfide pastorali alla famiglia nel contesto attuale. Tra queste, anche la richiesta dell'ammissione alla comunione dei divorziati risposati.

Il Papa: "Curare la vigna del Signore" - Bergoglio ha invitato a "lavorare con vera libertà e umile creatività" i padri sinodali che per due settimane  affronteranno in Vaticano un tema cruciale come la pastorale della famiglia. "Le Assemblee sinodali non servono per discutere idee belle e originali, o per vedere chi è più intelligente", ha ammonito il Santo padre. Quella aperta domenica 5 ottobre è la prima tappa di un cammino che durerà fino al sinodo ordinario dell'anno prossimo, con cui la Chiesa cerca strade pastorali adeguate alle sfide delle famiglie d'oggi e che rappresenta il primo, concreto test della linea 'aperturista' di Bergoglio incentrata sulla 'misericordia'.

14 coppie di sposi e 191 vescovi - Al Sinodo straordinario sulla Famiglia partecipano in tutto 191 membri cui vanno aggiunti altri 62 partecipanti ad altro titolo, per un totale di 253 persone. La rappresentatività geografica è assicurata dai 114 presidenti delle Conferenze Episcopali (tra cui quello della Cei, Angelo Bagnasco)e dai 13 rappresentanti delle Chiese Orientali. Di diritto partecipano inoltre 25 capi dei Dicasteri della Curia Romana con il cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato, e i 9 membri del Consiglio della Segreteria del Sinodo, oltre a 26 membri di nomina pontificia, 3 eletti, 16 esperti, 38 uditori di cui 13 coppie di sposi e 8 delegati fraterni.

Leggi tutto