Donetsk, bombe sul primo giorno di scuola: 10 morti

1' di lettura

Violato il cessate il fuoco nella roccaforte dei ribelli nell'est dell'Ucraina. Colpi di mortaio su un edificio scolastico. Le vittime sono tutti civili, tra loro un insegnante e uno studente. Separatisti e lealisti si accusano a vicenda

Primo giorno di scuola fra le bombe a Donetsk. Dieci persone sono state uccise e nove ferite da colpi di mortaio che, proprio al rientro sui banchi ritardato di un mese a causa della guerra, hanno colpito il cortile della scuola numero 57 e un pulmino in una strada a tre isolati di distanza. L'edificio si trova a 4 chilometri dall'aeroporto della città dell'est dell'Ucraina che i separatisti cercano di sottrarre al controllo delle autorità di Kiev malgrado la tregua. L'attentato di oggi 1 ottobre è infatti una gravissima violazione del cessate il fuoco scattato lo scorso 5 settembre. (LO SPECIALE - LE FOTO).

Nessun bambino tra le vittime - I bambini, terrorizzati dopo la prima esplosione, sono stati portati dagli insegnanti nelle cantine della scuola usate come rifugio.

Scambio di accuse - Le autorità locali hanno attribuito la responsabilità della grave  violazione del cessate il fuoco in vigore dal 5 settembre alle forze separatiste che, a loro volta, hanno accusato i militari lealisti.

Leggi tutto