Ucraina, Poroshenko: ci invadono. Renzi chiama Putin

1' di lettura

Si combatte nell’est: oltre 10 civili morti nelle ultime ore a Donetsk. Onu: “Bilancio delle vittime del conflitto è raddoppiato: 1200 in un mese”. Si riunisce il Consiglio di sicurezza. Obama: "Russia responsabile delle violenze"

La Russia ha messo in atto un'invasione militare dell'Ucraina. E' quanto sostiene il presidente ucraino Poroshenko: "Ho deciso di annullare un viaggio di lavoro nella in Turchia per il rapido deterioramento delle situazione nella regione di Donetsk, in particolare a Amvrosiyvka e Starobesheve, visto che ha avuto luogo un'invasione da parte di forze russe". Una tesi condivisa anche dalla Nato, che ha mostrato anche alcune immagini aeree che dimostrerebbero lo sconfinamento.
Il ministero della Difesa russo ha però smentito ufficialmente la presenza di truppe russe nell' Ucraina dell'est. Commentando le accuse provenienti da più parti, non solo da Kiev, il portavoce Igor Konashenkov ha osservato che esse "non hanno alcun rapporto con la realtà".

Riunione all'Onu - Intanto il Consiglio di sicurezza dell'Onu, di cui fa parte anche Mosca, si  è riunito per una seduta straordinaria per dicutere dell'emergenza ucraina.
La convocazione arriva dopo la richiesta del primo ministro di Kiev Arseni Iatseniuk e dopo che undici persone sono morte a Donetsk nelle ultime 24 ore in seguito ad attacchi di artiglieria. Sempre nella città roccaforte dei ribelli filorussi nell'Ucraina dell'est altri 22 civili sono rimasti feriti (LO SPECIALE).

Renzi a Putin: "Preoccupazione per l'intollerabile escalation" - Reazioni arrivano dall'Ue: "Siamo estremamente preoccupati dagli ultimi sviluppi, inclusi i rapporti di quel che sta avvenendo sul terreno", dice la portavoce dell'Alto rappresentante Ue Catherine Ashton.
Il premier Matteo Renzi, in una conversazione telefonica con il presidente russo Vladimir Putin, ha invece espresso, in qualità di presidente di turno della Ue, grande preoccupazione per "l'intollerabile escalation" in Ucraina, sollecitando il ritorno al tavolo delle trattative.

Merkel: "Consiglio Ue discuterà nuove sanzioni a Russia" - "Il prossimo consiglio europeo si dovrà di nuovo occupare dell'Ucraina" - dice intanto Merkel - "avevamo detto che ulteriori escalation avrebbero naturalmente provocato ulteriori sanzioni".

Onu, “bilancio vittime raddoppiato,1.200 in 1 mese” -
L'Onu in un rapporto dell'Alto commissariato per i diritti dell'uomo ha diffuso alcuni dati dell'escalation di tensione: “Il bilancio totale è più che raddoppiato dall'ultimo rapporto pubblicato un mese fa'', evidenziano le Nazioni unite secondo cui fra il 16 luglio e il 17 agosto i morti sono stati 1.200 e i feriti 3.250: una media di 36 morti e 98 feriti al giorno.

Usa: "Russia rsponsabile delle violenze a Est" -
Intanto, l'amministrazione Obama ha spiegato che sono pronti a imporre nuove sanzioni se l'escalation di tensione e violenza dovesse continuare. E Obama ha commentato: "Ho appena parlato con la cancelliera tedesca Angela Merkel ed entrambi siamo d'accordo che la Russia è responsabile della violenza nell'est dell'Ucraina".

Leggi tutto