Ferguson, due mesi per formalizzare accuse contro agente

1' di lettura

In città, dove proseguono le manifestazioni pacifiche, è arrivato il ministro della Giustizia Eric Holder che assicura: "L'inchiesta sarà intransigente", ma il pubblico ministero spiega che l'eventuale incriminazione non avverrà prima di ottobre

Continuano le proteste pacifiche a Ferguson, la cittadina del Missouri dove il giovane nero Michael Brown è stato ucciso da un poliziotto. Nella notte un centinaio di cittadini sono scesi in strada per manifestare in modo pacifico al grido di "mani in alto, non sparare" (le foto dei giorni scorsi). In città intanto è arrivato il ministro della giustizia Eric Holder che ha assicurato che i procuratori federali "condurranno un'inchiesta intransigente". Bisognerà però aspettare almeno due mesi prima che eventuali accuse vengano formalizzate davanti al Gran Giurì.

Holder: "Procuratori federali faranno indagine intransigente" - "La mia speranza è che questa visita darà ai cittadini la fiducia che quello che deve essere fatto sarà fatto dal governo federale" ha affermato Holder, al termine della visita a Ferguson. Holder ha avuto una serie di incontri con i federali, con i leader locali e anche con i genitori di Michael. "Spero che la mia visita possa avere un effetto lenitivo sulla città". ha sostenuto, aggiungendo che "i procuratori federali condurranno un'inchiesta intransigente" per stabilire se l'agente abbia avuto motivazioni razziste. Holder  ha invitato i cittadini a mantenere la protesta pacifica e ha lodato il lavoro del capo della polizia stradale, Ron Johnson, responsabile della sicurezza della città: "Sei tu l'uomo giusto", gli ha detto dopo averlo abbracciato.

Due mesi per formalizzare eventuali accuse - In ogni caso ci vorranno probabilmente due mesi prima che il Gran Giurì decida se presentare o meno accuse per l'uccisione di Brown. Le prove e gli elementi raccolti sono state presentate mercoledì dal pubblico ministero Robert McCulloch e il Gran giurì potrebbe formulare accuse pesanti nei confronti dell'agente Darren Wilson. Tuttavia, il pm McCulloch sostiene che per qualsiasi decisione ci vorrà tempo: "Per avere un quadro completo probabilmente dovremo aspettare fino a metà ottobre", ha detto.

Sospeso poliziotto che ha minacciato dimostranti
- Che la tensione resta alta tra polizia e manifestanti è dimostrato anche dalla sospensione di un agente di St. Ann che avrebbe puntato un fucile contro il corteo a Ferguson minacciando i partecipanti di morte. Secondo quando riferiscono i media americani, l'agente avrebbe puntato l'arma contro i manifestanti dicendo: "Vi ammazzero'". E al cameraman che lo riprendeva e che gli ha chiesto di dirgli il nome ha risposto: "Vai a fanc...". Il video è stato subito posto su YouTube.

Il video del poliziotto che minaccia i manifestanti:



Leggi tutto