Iraq, l’Europa dice sì alle armi ai curdi

1' di lettura

Il consiglio dei ministri degli Esteri ha dato il via libera alla consegna di armamenti ai peshmerga che stanno combattendo contro le milizie dell’Isis. Mogherini: "Per l'Italia sarà necessario un passaggio parlamentare". Attacco al nord: uccisi 80 yazidi

L’Ue dà il via libera all’invio di armi ai curdi in Iraq nello stesso giorno in cui arriva la notizia di un nuovo massacro di yazidi: i jihadisti avrebbero ucciso 80 uomini della minoranza irachena e rapito 100 donne. A riferire la notizia è stata la deputata irachena (membro della comunità degli yazidi) Vian Dakhil.
Il consiglio dei ministri degli esteri dell'Ue ha accolto quindi "con favore" la decisione di alcuni stati membri a consegnare le armi ai curdi iracheni che stanno combattendo contro l'Isis (l’autoproclamato Stato islamico). Lo si legge nelle conclusioni della riunione di Bruxelles sull'emergenza irachena, con migliaia di profughi cristiani e yazidi perseguitati, nelle quali viene spiegato che la risposta alle richieste dei curdi "saranno fatte in accordo alle capacità e leggi nazionali degli Stati membri e col consenso delle autorità nazionali irachene".


Mogherini: per Italia necessario passaggio Camere - Per quanto riguarda l’Italia, il ministro degli Esteri, Federica Mogherini, ha fatto sapere che "per la decisione politica è necessario il passaggio parlamentare". "Abbiamo ricevuto da parte dai curdi richieste di sostegno e stiamo facendo una valutazione tecnica con loro e anche col ministero della Difesa", ha detto.

Ue contro chi sostiene l'Isis - L'Ue valuterà inoltre come prevenire che lo Stato islamico tragga beneficio dalla vendita di petrolio ed esprime condanna per i sostenitori finanziari dell'Isis, che contravvengono alle risoluzioni dell'Onu.

Appoggio al premier designato Al Abadi - Il consiglio dei ministri degli Esteri dell'Ue ha anche accolto con favore la nomina di Heider Al Abadi come premier designato dell'Iraq e confida "che proceda con urgenza alla formazione di un nuovo governo" insistendo sull'importanza che sia "inclusivo e risponda alle aspirazioni di tutti gli iracheni".
Nella serata di giovedì il premier al-Maliki ha annunciato le sue dimissioni e l’appoggio ad al Abadi, l'uomo incaricato di dar vita ora a un governo di 'larghe intese' e di tentare di ricucire quelle divisioni etnico-confessionali che lui era invece accusato d'aver approfondito, favorendo nei fatti l'ascesa dei jihadisti sunniti e la guerra civile.

Leggi tutto