Mosca, strage metrò. Fermati 2 operai: scambio fissato male

1' di lettura

Ci sarebbe un errore tecnico all'origine dell'incidente che ha portato al deragliamento di un treno. 23 le vittime, oltre 160 i feriti. Arrestate due persone ma si indaga su altre responsabilità. Oggi giornata di lutto nella capitale russa

Due operai della metropolitana di Mosca sono stati fermati nell'inchiesta sul deragliamento di ieri di un convoglio. L'incidente ha provocato la morte di 22 persone, oltre 160 sono invece rimaste ferite (FOTO). Gli arrestati sono accusati di aver violato le norme di sicurezza sui trasporti, per aver fissato male uno scambio all'origine dell'incidente.

Chi sono gli arrestati - Le due persone fermate sono il supervisore dei binari e il suo assistente che, secondo gli investigatori, "sono stati direttamente coinvolti nei lavori e nella successiva messa in opera" del nuovo sistema di scambio. Entrambi sono già stati interrogati e saranno accusati "al più presto", ha annunciato Vladimir Markin, portavoce del comitato investigativo aggiungendo che gli investigatori intendono "identificare e incriminare tutte le persone coinvolte in questa tragedia, dagli esecutori ai dirigenti, che avrebbero dovuto controllare e garantire pienamente la sicurezza del trasporto metropolitano di Mosca".

Giornata di lutto a Mosca - E mentre proseguono le indagini la capitale russa sta vivendo una giornata di lutto con momenti di preghiera in tutte le parrocchie della capitale. Le bandiere sono rimaste a mezz'asta su tutti gli edifici istituzionali. Gli eventi di intrattenimento sia pubblici che nei locali sono stati annullati mentre i palinsesti tv sono stati sconvolti.

Leggi tutto