Camerun, liberati due sacerdoti italiani e una suora

I due sacerdoti italiani rapiti in Camerun
1' di lettura

Giampaolo Marta e Gianantonio Allegri erano stati sequestrati insieme alla religiosa canadese Gilberte Bussier nell'aprile scorso. Radio Vaticana: "Una notizia che ci riempie di gioia". Renzi su Twitter: "Bentornati"

Sono liberi i due preti italiani, Giampaolo Marta e Gianantonio Allegri, e la suora canadese Gilberte Bussier rapiti ad aprile in Camerun. La notizia  è stata data da un giornalista della France Presse, che li ha visti lasciare l'aeroporto a bordo di un aereo militare.
I tre ostaggi "sono stati liberati la notte scorsa intorno alle due. I nostri militari li hanno recuperati vicino ad un villaggio nei pressi di Amchide'", a pochi passi dalla frontiera con la Nigeria, ha detto sempre alla France Presse una fonte della sicurezza del Camerun.

Padre Lombardi: "Una notizia che ci riempie di gioia" - La notizia è stata confermata anche da Radio Vaticana. I tre religiosi erano stati prelevati da due gruppi armati nelle loro abitazioni nella diocesi di Maroua, nel Nord del Paese.
La liberazione dei tre, sottolinea il direttore della Sala Stampa vaticana, padre Federico Lombardi, "è una notizia che ci riempie di gioia. Il Santo Padre, che fin dall'inizio aveva seguito la drammatica vicenda, ne è stato tempestivamente informato. Ringraziamo il Signore perché questa vicenda è giunta a una conclusione positiva".

Renzi su Twitter: "Bentornati" - E poche ore dopo la notizia della liberazione anche il premier ha dato il suo bentornato ai sacerdoti, su Twitter:


Ancora tre gli italiani sequestrati nel mondo
- Con la liberazione dei due sacerdoti vicentini, sono ancora tre gli italiani sequestrati in varie zone nel mondo. Da oltre due anni non si hanno notizie del cooperante Giovanni Lo Porto, 38 anni, palermitano, sequestrato in Pakistan il 19 gennaio 2012 insieme a un collega tedesco, di padre Paolo Dall’Oglio, scomparso in Siria nel luglio dello scorso anno, e di Gianluca Salviato, scomparso in Libia il 22 marzo scorso.

Leggi tutto