Turchia, Erdogan di nuovo contro Twitter: "Evade le tasse"

1' di lettura

Dopo il blocco per le elezioni amministrative, il capo del governo di Ankara torna ad attaccare il sito di microblogging. "I social network sono aziende a scopo di lucro", ha affermato annunciando controlli fiscali

Prosegue la guerra tra il premier turco Recep Erdogan e i social network, in particolar modo il sito di microblogging Twitter. Dopo il blocco di due settimane, imposto dal governo di Ankara ai "cinguettatori" nei giorni prima delle elezioni amministrative e revocato dalla Corte costituzionale, il primo ministro torna all'attacco e accusa il sito di evasione fiscale.

"Twitter, YouTube e Facebook sono aziende internazionali create a scopo di lucro", ha affermato Recep Tayyip Erdogan in una dichiarazione alla tv, "Twitter è allo stesso tempo un evasore fiscale e andremo a fondo" della questione, ha minacciato il primo ministro.

Il social network era stato utilizzato nei mesi scorsi per diffondere intercettazioni e documenti nell'ambito di uno scandalo di corruzione che ha investito Erdogan e i suoi fedelissimi. Il celebre sito di microblogging era stato oscurato in Turchia il 20 marzo scorso ed è tornato online all'inizio di aprile, dopo una sentenza della Corte Costituzionale secondo la quale la censura di Twitter rappresenta una violazione della libertà di espressione.

Leggi tutto