Nicaragua, terremoto di magnitudo 6.1 a Managua: un morto

1' di lettura

Decide di feriti, più di 800 case distrutte, collegamenti telefonici saltati e niente luce. E' il bilancio del sisma che ha colpito il Paese. L'epicentro a una ventina di chilometri a nord della capitale, non lontano dal vulcano Apoyeque

Un sisma di magnitudo 6.1 ha scosso nella notte Managua, privando la capitale del Nicaragua della luce e dei collegamenti telefonici. Una persona è morta e 33 sono rimaste ferite. Più di 800 case risultano distrutte o danneggiate.  Il presidente Daniel Ortega ha dichiarato lo stato di "allarme rosso".

La portavoce del governo nicaraguense Rosaria Murillo ha precisato che il terremoto ha colpito in particolare a nordest di Managua. La scossa è stata registrata alle 17.27 ora locale, (l'1,27 in Italia) e il suo epicentro è stato individuato a una ventina di chilometri a nord della capitale, non lontano dal vulcano Apoyeque, a una profondità di dieci chilometri.

Il sisma, legato alla faglia della catena vulcanica del Nicaragua, è stata seguita da tre repliche, e i servizi di protezione civile sono stati allertati nel timore di nuove scosse. La zona non è lontana dal nord del Cile, colpito all'inizio del mese da due terremoti rispettivamente di magnitudo 8.2 e 7.6, con un allerta tsunami poi ritirato.

La mappa

Leggi tutto