Nigeria, 17 morti in attacco dei Boko Haram

Un'auto distrutta in un recente attacco dei Boko Haram - Foto: Getty
1' di lettura

Il gruppo estremista islamico avrebbe aperto il fuoco contro alcuni fedeli riuniti in una moschea. In Camerun, intanto, proseguono i rastrellamenti alla ricerca dei due sacerdoti italiani e della suora canadese rapiti nella notte tra venerdì e sabato

Almeno 17 persone sarebbero state massacrate in un attacco compiuto dagli integralisti islamici Boko Haram nello stato nigeriano di Yobe. Lo riferisce il portavoce del governatorato, Abdullahi Bego.

Uccise 17 persone - L'attacco è avvenuto nel villaggio di Buna Gari, a un centinaio di chilometri da Damaturu, la capitale dello Stato. "Uomini armati hanno fatto irruzione e hanno sparato a raffica, a caso, uccidendo 17 persone, molte in preghiera in una moschea", ha precisato il portavoce del governatorato di Kobe. "Hanno anche incendiato diverse case e numerose auto prima di fuggire", ha aggiunto riferendosi ai Boko Haram. Lo stesso gruppo integralista è sospettato del rapimento di due sacerdoti italiani, Gianantonio Allegri e Giampaolo Marta, e di una suora canadese, Gilberte Bussier, prelevati da due gruppi armati nella notte fra venerdì e sabato nel nord del Camerun, dove i Boko Haram sconfinano spesso dalla Nigeria.

Rastrellamenti in Camerun dopo rapimento sacerdoti - Le forze di sicurezza del Camerun stanno, intanto, procedendo a rastrellamenti nella zona dove nella notte tra venerdì e sabato sono stati rapiti i tre religiosi. Lo si è appreso da una fonte ufficiale. "Siamo ovunque. Dal momento del rapimento siamo sul terreno" ha detto il governatore della regione Awa Fonka Augustine, senza dare altre precisazioni. Il ministro della difesa Edgard Alain Mebe Ngo'o si trova nella regione per coordinare le ricerche. "Tutte le uscite dal Paese (nell'estremo nord, alla frontiera con la Nigeria) sono state messe sotto controllo poco dopo il rapimento", ha detto un responsabile della sicurezza che ha voluto conservare l'anonimato. Al momento non è possibile sapere se i religiosi si trovino ancora in Camerun o nella vicina Nigeria. Il rapimento non è stato rivendicato, ma le forze di sicurezza del Camerun propendono per la pista degli integralisti islamici di Boko Haram.

Leggi tutto