Il Papa: "Non condannare ma accompagnare i divorziati"

1' di lettura

Il Pontefice invita alla comprensione per chi sperimenta "il fallimento del proprio amore".  La situazione dei divorziati risposati sarà all'attenzione dei prossimi due sinodi voluti da Francesco sulla famiglia nel 2014 e nel 2015. VIDEO

Coltivare la cultura dell'accoglienza e non condannare chi sperimenta il fallimento del proprio amore. Questo l’appello di Papa Francesco nell'omelia a Santa Marta. Francesco invita a non cadere nella trappola di considerare i divorziati semplice 'casistica'  perché, dice, "dietro la casistica c'è sempre una trappola contro di noi e contro Dio".
Quando "l'amore fallisce, perché tante volte fallisce, dobbiamo sentire il dolore del fallimento, accompagnare quelle persone che hanno avuto questo fallimento nel proprio amore - sono le parole di Francesco - non condannare! Camminare con loro! E non fare casistica con la loro situazione".

Non cadere nella trappola della "casistica" - I dottori della legge cercano di porre delle trappole a Gesù per "togliergli l'autorità morale", ha ricordato Papa Francesco osservando che "i farisei si presentano da Gesù con il problema del divorzio". Il loro stile, ha rilevato il Papa, è sempre lo stesso: "la casistica". "E' lecito questo o no? Sempre il piccolo caso. E questa - ha avvertito Bergoglio – è la trappola: dietro la casistica, dietro il pensiero casistico, sempre c'è una trappola. Sempre! Contro la gente, contro di noi e contro Dio, sempre!". "Alla domanda 'è lecito ripudiare la propria moglie?' - ha spiegato – Gesù rispose domandando loro cosa diceva la legge e spiegando perché Mose ha fatto quella legge così. Ma non si ferma lì: dalla casistica va al centro del problema, proprio ai giorni della Creazione".

I divorziati risposati al centro dei prossimi sinodi
- La situazione dei divorziati risposati sarà all'attenzione dei prossimi due sinodi voluti dal Papa sulla famiglia, nel 2014 e nel 2015. Quindi il cammino ecclesiale è ancora lungo e sarà accompagnato anche dalla voce "dal basso" delle risposte di comunità e singoli al questionario sui temi caldi. Il magistero ecclesiale questa volta prima di esprimersi infatti ha deciso di mettersi in ascolto delle persone e delle famiglie. Nel frattempo il Papa indica la propria prospettiva, che è senza dubbio inclusiva, misericordiosa, non ispirata dalla casistica di una morale precettistica, rispettosa della coscienza e dell'esperienza delle persone. Da questo terreno emergerà, se e quando emergerà, una soluzione pastorale per i divorziati risposati.

Leggi tutto