Ucraina, mandato di cattura internazionale per Yanukovich

1' di lettura

Il presidente deposto ricercato per il reato di "strage". Yatseniuk, fedelissimo di Yulia Tymoshenko, è stato designato premier ad interim dai manifestanti riuniti al Maidan. Giovedì la ratifica da parte del Parlamento

Il procuratore generale di Kiev, Oleh Makhnytsky, ha spiccato un mandato di cattura internazionale per Viktor Yanukovich, il presidente ucraino deposto sabato scorso dal parlamento. Yanukovich è ricercato per il reato di "strage". Poco prima il procuratore aveva chiesto alle autorità internazionali di individuare i conti bancari e le proprietà all'estero dello stesso ex presidente e dei suoi accoliti.

Mosca allerta le truppe - Il Paese muove i primi passi nel dopo-Yanukovich, in un clima di grande tensione anche per la comparsa dei blindati russi nelle strade di Sebastopoli, la città che dal 1783 - ossia dall'epoca della guerra di Caterina II contro l'impero Ottomano -  ospita la flotta di Mosca nel Mar Nero.
Il presidente russo Vladimir Putin si prepara infatti ad assecondare i venti sempre più forti di separatismo in Crimea, la penisola sul Mar Nero che il leader sovietico Nikita Krusciov 'regalò' 60 anni fa all'Ucraina per commemorare il 300esimo anniversario del Trattato di Perejaslav che portò  gran parte dell'Ucraina sotto il controllo russo. Un dono che si rivela oggi una bomba ad orologeria nella sempre più nazionalista Ucraina post-sovietica.

Maidan sceglie Yatseniuk come premier - L'Ucraina "rivoluzionaria" del dopo Yanukovich, intanto, prova a prendere forma. E si dà nuovi capi. Nella serata del 26 febbraio, in una spianata di Maidan gremita come non mai, il nuovo governo è stato presentato alla folla ancora prima di ottenere la fiducia del parlamento.  Come ci si attendeva, il nuovo premier è Arseni Yatseniuk, il capogruppo del partito 'Patria' di Iulia Timoshenko a cui appena un mese fa aveva offerto il posto di capo del governo niente di meno che l'allora presidente Viktor Yanukovich. Ma è anche lo stesso nome indicato dall'assistente segretario di Stato Usa Victoria Nuland in un colloquio telefonico con l'ambasciatore americano in Ucraina che è stato intercettato nel pieno della protesta e ha destato scalpore per le parole poco lusinghiere verso l'Ue.

Il nuovo governo - Tra i nomi dei candidati del nuovo governo letti sul palco di Maidan, figurano poi quello del diplomatico di carriera Andrei Deshizia per gli Esteri (fino ad oggi rappresentante speciale del presidente Osce per i conflitti congelati nell'ex Urss) e quello della giornalista-militante Tatiana Chornovol (picchiata brutalmente a Natale) per l'ufficio anticorruzione. Il deputato Andrei Parubiy (del partito di Timoshenko), uno dei comandanti dell'insurrezione, è stato messo a capo del consiglio sicurezza e difesa, e uno dei suoi vice dovrebbe essere il leader della formazione estremista 'Settore destro' Dmitro Iarosh: un nome imbarazzante, tanto che una delle persone sul palco ha chiesto allo speaker di non leggerlo". Come ministro per l'integrazione europea è stato proposto l'ex ministro degli esteri durante la presidenza Iushenko, Boris Tarasiuk, anche lui in fama di filo americano come Deshizia.
Le designazioni dovranno essere confermate domani dal Parlamento e resteranno in vigore fino alle presidenziali del 25 maggio prossimo.


Leggi tutto