Volo da Addis Abeba a Roma dirottato dal copilota

1' di lettura

L'aereo, diretto nella Capitale, è atterrato a Ginevra. Il dirottatore, un etiope di 31 anni, voleva chiedere asilo politico alla Svizzera. E' stato arrestato e rischia fino a 20 anni di carcere. Illesi i 193 passeggeri a bordo, fra cui 140 italiani

Due ore di paura a bordo di un Boeing 767 dell'Ethiopian Airlines diretto a Roma con 193 passeggeri a bordo, fra cui 140 italiani. Il velivolo è stato dirottato dal co-pilota etiope che voleva chiedere asilo politico alla Svizzera e ha ottenuto di atterrare a Ginevra, dove è stato arrestato senza alcun problema per il resto dell'equipaggio e le altre persone a bordo.

Dirottato quando il pilota è andato alla toilette - Il volo ET702 è partito da Addis Abeba alle 00:30 ora locale (le 22:30 in Italia) ed è atterrato nello scalo elvetico alle 6 del mattino, dopo che a bordo si sono vissuti momenti di terrore per alcune manovre che hanno fatto pensare a un'avaria dei motori. Il dirottamento ha avuto inizio quando il co-pilota si è rinchiuso nella cabina di pilotaggio dopo che il pilota era andato alla toilette, durante il sorvolo del Sudan.

Il dirottatore non era armato - Il portavoce dell'aeroporto di Ginevra, Bertrand Staempfli, ha spiegato che il co-pilota, un 31enne cittadino etiope, non era armato. "Si sentiva minacciato nel suo Paese e voleva chiedere asilo in Svizzera. Ha contattato le autorità aeroportuali svizzere alle 4 dicendo che aveva bisogno di atterrare per fare rifornimento di carburante. Mezz'ora dopo ha invece comunicato che l'aereo era stato dirottato. Il Boeing è atterrato in sicurezza e il copilota è sceso dall'aereo calandosi con una corda dal finestrino della cabina di pilotaggio".
Il Boeing 767 è stato intercettato e scortato dai caccia dell'Aeronautica militare italiana fino al passaggio di consegna con la Difesa aerea francese in territorio transalpino. I due caccia Eurofighter Typhoon del 36esimo Stormo di Gioia del Colle (Bari) sono decollati nelle primissime ore del mattino con l'ordine di "scramble", in gergo tecnico il decollo immediato di intercettori che sotto la guida dei controllori della difesa aerea si dirigono verso un velivolo per accertarne visivamente l'identità.

Il copilota rischia fino a 20 anni -
Il dirottatore, che comparirà in tribunale oggi stesso, rischia una condanna fino a 20 anni di carcere per sequestro di persona.
L'aeroporto di Ginevra è rimasto chiuso per alcune ore per permettere l'atterraggio del velivolo e l'arresto del dirottatore. Subito dopo, i passeggeri sono stati fatti scendere uno alla volta senza bagagli e senza gli indumenti depositati nella cappelliera. Sono stati fatti salire su alcuni bus e sono stati consegnati loro coperte, panini e bibite. Dei 140 italiani, in buona parte turisti al ritorno da una vacanza, 111 erano diretti a Fiumicino e altri 27 a Malpensa.

Leggi tutto