Closer: Hollande e Julie si amano da due anni

1' di lettura

Tra rotture e riconciliazioni, tentativi di Valerie di recuperare il suo uomo e fughe romantiche nel Sud della Francia, la love story tra il presidente e l'attrice durerebbe da tempo. Intanto, Hollande intanto è andato in ospedale dalla (ex) compagna

Francois Hollande e Julie Guyet si "amano da due anni". Il settimanale francese Closer diffonde nuovi particolari sulla (presunta?) love story tra il presidente francese e la bionda attrice parlando di un amore tormentato, tra rotture e riconciliazioni, scandito dai tentativi di Valerie di recuperare il suo uomo e fughe romantiche nel Sud della Francia. E di un secondo appartamento dove i due, sfidando il rischio di essere 'beccati' dal portiere, si incontravano. Nuovi dettagli piccanti anticipati sul sito del settimanale d'oltralpe in edicola venerdì 17 gennaio. Dettagli che arrivano poche ore dopo la querela presentata ufficialmente dalla Guyet alla testata, con tanto di richiesta di 50 mila euro di danni.

Un amore tormentato - Nelle anticipazioni Closer parla della relazione come una storia scandita da "rotture e successive riconciliazioni". Secondo il giornale di gossip, Valerie riuscì in un primo momento a vincere la "prima manche": la relazione tra Francois e Julie si interruppe e la coppia presidenziale trascorse le vacanze insieme, "da innamorati", nella residenza estiva di Bre'gancon, in Costa Azzurra. Una vacanza destinata a essere "l'ultima", prosegue Closer raccontando che l'estate dopo Valerie partì da sola per la Grecia aspettando, "telefonino sempre in mano", di essere raggiunta da Francois. Invano. Lui infatti si era rifugiato nel suo feudo di Tulle, nel cuore della Francia, dove è stato visto in compagnia di Julie passeggiare "davanti a tutti" in un mercatino, dopo un concerto la sera prima di un'amica dell'attrice, la cantante Olivia Ruiz.

Valerie resta in clinica: smentito il tentato suicidio - Nuove rivelazioni che certo non aiuteranno la convalescenza di Valerie che comunque secondo il suo portavoce - riferiscono media inglesi e americani - sarebbe in via di miglioramento. Dopo una settimana, a dir poco tormentata. Come ha riportato, nei dettagli, il settimanale Le Point. "Valerie Trierweiler ha preso una pillola di troppo, ma non ha tentato il suicidio", rassicurano al settimanale fonti a lei vicine, dopo che il 9 gennaio il presidente l'aveva convocata per avvertirla personalmente, anticipando così l'imbarazzante pubblicazione delle prime foto di Closer. Quel faccia a faccia era andato "malissimo", scrive Le Point, spiegando che in quell'occasione "il presidente non nega nulla" a Valerie. "Peggio ancora, si mostra molto freddo". "Nella notte, di ritorno a casa", la première dame, sola, si prende qualche pillola, di cui "una di troppo". L'indomani non si sente bene, e chiede il ricovero. "Ma non ha mai voluto tentare il suicidio. Non è nella sua indole", assicurano le fonti citate dal giornale.

Hollande va a trovare Valerie
- Intanto, dopo diversi giorni di attesa che non hanno mancato di suscitare scalpore, Francois Hollande è andato giovedì in ospedale a fare una visita a Valerie. A darne notizia una fonte dello staff presidenziale. Fonti dell'Eliseo avrebbero spiegato alla rete televisiva Rt che il presidente non era  andato prima a trovare Valérie su consiglio dei medici  che hanno in cura la premiere dame.

Crollo della popolarità - Tutta la vicenda non sta però giovane all'immagine pubblica del presidente, che già prima dello scandalo non godeva di grandissima popolarità. Secondo un sondaggio  solo il 13% dei francesi riconosce Hollande come un presidente dal carattere "autorevole" mentre appena il 19% ritiene che conosca "la direzione in cui sta andando". Sulla vicinanza alle preoccupazioni dei francesi, Hollande, che si è sempre voluto definire un 'presidente normale', vicino ai cittadini, ha un consenso del 23%, in calo di 7 punti. Quanto alla difesa degli interessi della Francia, siamo al 33%, contro il 37% di aprile. Inoltre, il 71% ritiene che il valore della 'sincerita" si applichi male all'attuale presidente. 


Leggi tutto