Bergoglio battezza 32 bambini e nomina 19 cardinali

1' di lettura

Tra i piccoli, anche la figlia di ua coppia sposata solo con rito civile. Durante l'Angelus il Pontefice ha poi annunciato la nomina dei nuovi porporati, tre dei quali ultraottantenni e che sarebbero perciò esclusi da un eventuale Conclave. FOTO, VIDEO

"A me piace battezzare i bambini". Papa Francesco lo ha confidato alla folla presente in piazza San Pietro domenica 12 gennaio. "Ho battezzato trentadue neonati. Ringrazio con voi il Signore per queste creature e per ogni nuova vita" ha affermato (LE FOTO). E tra i piccoli c'è anche Giulia, poco più di sette mesi, i cui genitori - due militari pugliesi in servizio in Toscana - non sono sposati in Chiesa ma solo civilmente. "Ogni bambino che nasce è un dono di gioia e di speranza, e ogni bambino che viene battezzato è un prodigio della fede e una festa per la famiglia di Dio" sono state le parole del Pontefice.

Bergoglio e la Chiesa con "le porte aperte" -
Era stato lo stesso Bergoglio, nel maggio scorso, a parlare di una Chiesa "con le porte aperte", non una "dogana" dove chi cerca Gesù viene allontanato perché ha commesso qualche errore. E aveva fatto l'esempio di una ragazza madre che chiede il battesimo per il figlio e si sente rinfacciare il fatto di non essere sposata: "Questa ragazza che ha avuto il coraggio di portare avanti la sua gravidanza e non rinviare il suo figlio al mittente, cosa trova? Una porta chiusa! Questo non è zelo! Allontana dal Signore!" aveva ammonito il Papa.

Il Papa nomina i suoi primi cardinali -
Al termine dell'Angelus, Bergoglio fa anche un altro importante annuncio: "Il prossimo 22 febbraio, festa della Cattedra di San Pietro, avrò la gioia di tenere un Concistoro, durante il quale nominerò 16 nuovi cardinali che, appartenenti a 12 Nazioni di ogni parte del mondo, rappresentano il profondo rapporto ecclesiale fra la Chiesa di Roma e le altre Chiese sparse per il mondo. Il giorno seguente presiederò una solenne concelebrazione con i nuovi Cardinali, mentre il 20 e 21 febbraio terrò un Concistoro con tutti i cardinali per riflettere sul tema della famiglia".

Ai 16 nuovi cardinali elettori, il Papa ha unito 3 nuovi porporati ultraottantenni, che sarebbero cioè esclusi da un eventuale Conclave: si tratta di 3 arcivescovi emeriti, "che si sono distinti per il loro servizio alla Santa Sede e alla Chiesa". Tra questi c'è anche monsignor Loris Francesco Capovilla, arcivescovo  titolare di Mesembria, che è stato già segretario particolare di  Giovanni XXIII. L'elevazione alla porpora dell'arcivescovo, oggi 98enne, giunge nell'anno della canonizzazione di Papa Roncalli che sarà proclamato santo il prossimo 27 aprile.

Leggi tutto