Haiti, 4 anni dopo il sisma ancora 60mila bambini senza casa

1' di lettura

Save the children lancia l'allarme in occasione del quarto anniversario del terremoto che il 12 gennaio 2010 provocò oltre 220mila vittime e 300mila feriti. Circa 100.000 minori su tutto il territorio nazionale soffrono di malnutrizione

Ancora oggi, dopo quattro anni dal sisma che sconvolse Haiti, 60.000 bambini vivono nei campi per sfollati e 100.000 soffrono di malnutrizione in tutto il Paese. L'allarme arriva da Save the Children che ricorda la distruzione del 12 gennaio 2010, quando il terremoto provocò oltre 220mila vittime e 300mila feriti (FOTO e VIDEO).

Progressi importanti, ma non basta - I danni sono ancora difficili da accertare, ma si inizia a vedere la fine: oltre l'89% della popolazione sfollata ha abbandonato i campi - riferisce l'organizzazione - l'incidenza del colera è stata dimezzata dal 2010 e la grave insicurezza alimentare che subito dopo il dramma ha colpito 1,5 milioni di persone è stata drasticamente ridotta a 600.000 casi. "Progressi importanti", riferiscono da Save the Children, ma non basta: "E' il momento di capitalizzare i progressi per apportare un cambiamento vero e duraturo che abbia un impatto reale e positivo soprattutto sull'infanzia haitiana, quale futuro del Paese".

Oltre 145 mila persone nei campi per sfollati, 60mila sono bimbi - Il 30% dei 10 milioni di haitiani infatti, a diversi livelli, soffre ancora l'impatto e le conseguenze del terremoto. Oltre 145.000 persone vivono ancora nei campi sfollati dal 2010 e di questi 60.000 sono bambini. Oltre 100.000 minori su tutto il territorio nazionale soffrono di malnutrizione. I bambini stanno crescendo giorno dopo giorno con grande difficoltà, talvolta impossibilità, ad accedere a beni e servizi di base come acqua, igiene, cure mediche o la possibilità di andare a scuola.

Leggi tutto