Spagna, retromarcia sull’aborto: sarà reato per i medici

Il premier spagnolo Mariano Rajoy
1' di lettura

Il governo ha approvato un progetto di legge che, se supera l'esame in Parlamento, punirà i dottori che praticano l’interruzione volontaria della gravidanza. Sarà permessa solo nei casi di stupro e di pericolo grave per la mamma. Insorge l’opposizione

La Spagna fa marcia indietro sull'aborto. Il governo conservatore di Mariano Rajoy ha approvato nella giornata di venerdì 20 dicembre un progetto di legge (qui il testo dal sito ufficiale del governo spagnolo) ancora più restrittivo delle norme in vigore dal 1985, modificate nel 2010 dalla maggioranza progressista di Josè Luis Rodriguez Zapatero, che pose la legislazione spagnola all'avanguardia in Europa.
Se il Parlamento approverà il progetto - e non dovrebbero esserci sorprese in questo senso, dato che il Partido popular (Pp) del premier ha la maggioranza assoluta - l'aborto sarà un reato, anche se solo per i medici e non per la donna (ma non è specificato se ci saranno sanzioni amministrative), e potrà essere consentito solo in pochi casi e ben specificati.

L’opposizione annuncia battaglia - Il Pp aveva fatto di questa riforma uno dei punti salienti del programma elettorale con cui vinse le elezioni nel 2011. L'approvazione del progetto di legge viene però contestato dalle femministe e dal Partito socialista (Psoe) che lo definisce "cinico e ingiusto". L'opposizione annuncia battaglia per cancellare una legge che colpisce "l'autonomia delle donne per esercitare liberamente la loro maternità". Chiede il voto segreto e si appella alle 76 deputate del Pp per modificare il testo. Ma le possibilità che ciò avvenga sono molto scarse.

Aborto consentito solo in caso di stupro e pericolo grave
- La "Riforma della salute sessuale e riproduttiva e della interruzione volontaria della gravidanza" modifica la legge in vigore da tre anni. Elimina i vincoli temporali entro i quali è possibile interrompere la gravidanza e l'aborto è consentito solo nei casi di stupro e di "pericolo grave" per la salute fisica o psichica della donna. Inoltre, abolisce anche la possibilità, introdotta nel 2010, che ragazze minori di 16 anni possano abortire senza il consenso dei genitori (sarà obbligatorio).

L’aborto sarà reato per i medici
- L'aborto non avrà conseguenze penali per la donna (ma non si specifica se siano previste sanzioni amministrative), mentre costituirà reato per i medici che violino la legge. Viene introdotta la possibilità di obiezione di coscienza per i medici e i professionisti che prescrivono l'interruzione della gravidanza non potranno lavorare nei luoghi dove sarà poi effettuata. Inoltre, è vietata la pubblicità per le cliniche che attuano l'aborto ("non è un prodotto commerciale").

La normativa vigente
- La legge attualmente in vigore consente di poter abortire, senza dare spiegazioni, entro le prime 14 settimane; il termine viene elevato a 22 in caso di "grave pericolo per la vita o la salute della donna", rischio di gravi anomalie per il feto, o infermità estremamente gravi e incurabili (quest'ultimo termine viene confermato).

Leggi tutto