Cina, auto prende fuoco in piazza Tienanmen. Morti e feriti

1' di lettura

Una vettura avrebbe sfondato le barriere di sicurezza andandosi a schiantare tra la folla sotto il ritratto di Mao Zedong. Almeno cinque le vittime e 38 i feriti. Il governo non prende posizione, ma sul web si ipotizza sia stata un'immolazione

Terrore a piazza Tiananmen, a Pechino, dove un'automobile con tre persone a bordo avrebbe sfondato le barriere di sicurezza schiantandosi e prendendo fuoco tra la folla: il guidatore e i due passeggeri della vettura sono morti sul colpo, mentre due turisti - una donna filippina e un cinese, sono deceduti in ospedale. Trentotto persone sono rimaste ferite. La Farnesina ha fatto sapere che non risultano coinvolti italiani.

Il governo "non ha informazioni dettagliate"
- L'auto, una jeep bianca, ha percorso 400 metri e ha travolto le prime barriere prima di schiantarsi. "E' stato veramente terrificante", ha detto un testimone. La polizia ha chiuso al traffico per alcune ore la piazza e ha avviato un'indagine. Due reporter dell'agenzia France Press hanno affermato di essere stati "brevemente detenuti" mentre cercavano di avvicinarsi alla piazza. Il loro materiale fotografico è stato sequestrato. La dinamica dei fatti e le numerose foto comparse su Internet - e cancellate dopo pochi minuti come tutte le notizie e i commenti sull'accaduto - lasciano poco spazio all'ipotesi dell'incidente. La portavoce del ministero degli Esteri, Hua Chunying, ha affermato in una conferenza stampa che il governo cinese "non ha informazioni dettagliate" sull'incidente. Di conseguenza, ha aggiunto, al momento non è in grado di dire se si sia trattato di un attentato o di un incidente.

Su Internet l'ipotesi si tratti di un'immolazione
- Commentatori su Internet non escludono che si sia trattato di una immolazione, cioè di un suicidio di protesta. Negli ultimi tre anni, 122 tibetani si sono immolati per protestare contro la politica della Cina verso il territorio e per chiedere il ritorno in patria del Dalai Lama, il leader religioso che vive in esilio dal 1959. Le immagini mostrano un'alta colonna di fumo che si alza dall'auto, ferma al di là dell'ultima barriera, in una zona abitualmente riservata ai pedoni, sul lato nord della storica piazza, sotto il ritratto del fondatore della Repubblica Popolare Mao Zedong e davanti all'ingresso principale della Città Proibita, la vecchia città imperiale meta ogni giorno di migliaia di turisti.

Leggi tutto