Papa Francesco: "Dio è dentro la cella con i carcerati"

1' di lettura

Il pontefice nell'udienza a 150 cappellani delle carceri italiane: facile "punire i più deboli, mentre i pesci grossi nuotano liberamente nelle acque". E spiega che "giustizia di speranza e di porte aperte" non è un'utopia, ma si deve tentare

I carcerati non sono soli: Dio è uno di loro, "è dentro con loro", vittima "delle tante ingiustizie che sono facili per punire i più deboli, mentre i pesci grossi nuotano liberamente nelle acque". Queste le parole che Papa Francesco ha dedicato al dramma di chi, come in Italia, vive in celle vecchie e sovraffollate, nell'udienza a 150 cappellani delle prigioni italiane che ha preceduto quella generale. Mentre per Bergoglio una "giustizia di speranza e di porte aperte" si può fare, si deve tentare.

Il discorso del pontefice - Il messaggio per i carcerati che Papa Francesco ha affidato ai cappellani ricevuti il 23 ottobre in Vaticano è che "Dio è dentro con loro: nessuna cella è così isolata da escludere il Signore, il suo amore paterno e materno arriva dappertutto". A fare del Signore "un carcerato" sono "i nostri egoismi e sistemi, le tante ingiustizie che sono facili per punire i più deboli mentre i pesci grossi nuotano liberamente nelle acque".

Le richieste dei cappellani - I 150 sacerdoti che prestano servizio nelle carceri italiane hanno chiesto al Papa l'istituzione di un "luogo permanente" per i detenuti, all'interno di un dicastero vaticano, e una cerimonia di riconciliazione insieme al pontefice, da mettere in calendario nel 2014. "Avete parlato di una giustizia di riconciliazione - è stato il commento di Bergoglio - ma anche una giustizia di speranza, di porte aperte, di orizzonti. Questa non è un'utopia: si può fare". Certo, "non è facile perché le nostre debolezze ci sono dappertutto, ma si deve tentare".

Il Papa in visita al Quirinale - E intanto una nota ufficiale ha fatto sapere che il pontefice sarà in visita al Quirinale il 14 novembre. Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano accoglierà Sua Santità Papa Francesco il 14 novembre al Quirinale in visita ufficiale di restituzione di quella compiuta dal Capo dello Stato in Vaticano l'8 giugno scorso. Ne dà notizia un comunicato del Quirinale.

Leggi tutto