Egitto, Hosni Mubarak è stato scarcerato

1' di lettura

L'ex rais ha lasciato la prigione di Tora (FOTO) ed è stato trasportato con un elicottero all'ospedale militare del Cairo. Intanto nel paese la tensione resta alta: 75 esponenti dei Fratelli Musulmani arrestati finora. Nuova protesta indetta per venerdì

Hosni Mubarak è stato scarcerato dalla prigione di Tora al Cairo (FOTO). L'ex-presidente egiziano è arrivato all'ospedale militare della capitale nel pomeriggio di giovedì 22 agosto dopo aver lasciato il carcere a bordo di un elicottero. Il velivolo del servizio medico, che è stato visto decollare dal carcere di Tora, è atterrato pochi minuti dopo all'ospedale militare nel vicino quartiere di Maadi. Secondo l’agenzia ufficiale Mena, sarebbe stato lo stesso Mubarak a chiedere di essere ricoverato in un ospedale del Cairo a causa delle sue condizioni di salute.
Mubarak, 85 anni, lo scorso anno è stato condannato all'ergastolo per non essere riuscito a impedire l'uccisione dei manifestanti, ma presto sarà celebrato un nuovo processo dopo che il Tribunale ha accolto il suo appello.
Mercoledì 21 agosto la Corte egiziana ha disposto la scarcerazione dell'ex rais. Mubarak non sarà del tutto libero, come inizialmente riferito, ma agli arresti domiciliari. Potrebbe trasferirsi nella sua residenza di Sharm El Sheik.

Tensione resta alta nel paese - Intanto continuano le tensioni nel paese, dopo che la scorsa settimana almeno 900 persone sono state uccise nella repressione delle proteste dei sostenitori del deposto presidente Mohamed  Morsi. Nell'ultimo episodio di violenza, uomini armati a bordo di un'auto hanno ucciso un maggiore dell'esercito e un soldato in un attacco vicino alla città di Ismailia, sul Canale di Suez, come riferito da fonti della sicurezza. E dopo la scarcerazione di Mubarak, per le strade del Cairo sono partite due diverse manifestazioni: una anti-Mubarak e una pro-Morsi.

75 esponenti dei Fratelli Musulmani arrestati - Nel giro di vite sono finiti agli arresti anche i vertici dei Fratelli musulmani e all'alba le forze di sicurezza hanno arrestato il portavoce del movimento, Ahmed Aref, secondo riferito dall'agenzia di stampa di Stato.
Sono 75 gli esponenti dei Fratelli Musulmani arrestati in Egitto dal 14 agosto, quando le forze di sicurezza hanno sgomberato due presidi di sostenitori del deposto presidente egiziano, Mohamed Morsi, al Cairo. Lo ha riferito il  ministro dell'Interno egiziano, Mohamed Ibrahim, secondo quanto riporta il sito web di “Egypt Independent”.
I sostenitori del movimento hanno invitato gli egiziani a scendere in piazza domani, 23 agosto, nel "Venerdì dei martiri" contro gli attuali reggenti del Paese.

Sempre nella giornata di giovedì, il procuratore Hicham Barakat ha disposto l'apertura di una indagine dopo una denuncia presentata contro alcuni leader di Tamarod (gruppo anti-Morsi), per aver proposto di manifestare contro la liberazione di Hosni Mubarak.

Leggi tutto