India, esplosione nel sottomarino: 18 persone intrappolate

1' di lettura

Il mezzo era ormeggiato in una base di Mumbai quando, dopo uno scoppio, si è sviluppato l’incendio. Secondo il ministro della Difesa i membri dell’equipaggio sarebbero morti. Aperta un’inchiesta. Nel 2010 il sommergibile aveva avuto un altro incidente

Diciotto marinai indiani sono rimasti intrappolati e alcuni risultano morti a causa di un'esplosione e un incendio sviluppatisi in un sottomarino ormeggiato in una base di Mumbai. Il ministro della Difesa A.K. Antony ha detto che i membri dell'equipaggio all'interno del sottomarino INS Sindhurakshak, di costruzione russa, sono morti. "Ci sono alcune persone intrappolate a bordo, stiamo lavorando per recuperarle", ha detto invece un portavoce della Marina. "Non ci arrenderemo fino a che non li avremo ritrovati".
L'esplosione, avvenuta dopo la mezzanotte, è probabilmente un incidente, ma è in corso un'inchiesta per stabilirne le cause.

L'incidente ha riportato alla memoria l'esplosione sul sottomarino nucleare russo Kursk, che affondò nel mare di Barents nel 2000, provocando la morte di tutti e 118 membri dell'equipaggio.
Il sottomarino indiano, ritornato dopo la manutenzione in Russia a inizio anno, aveva avuto un incidente simile nel 2010 in cui era morto un marinaio. Il mezzo, che è pienamente operativo con armi a bordo, risulta sommerso per metà dopo l'incendio. Un team di sommozzatori è alla ricerca di sopravvissuti.

Il video su YouTube pubblicato dall'Indian Express:

Leggi tutto