Spagna, la Farnesina conferma: c'è una vittima italiana

1' di lettura

Dario Lombardo, 25 anni, è una delle 78 persone morte nel deragliamento del treno a Santiago de Compostela. Era a bordo del convoglio perché aveva perso l'aereo a Madrid. Arrestato per guida spericolata il macchinista: viaggiava a 190km/h anziché 80

Tra le 78 vittime del deragliamento del treno nei pressi di Santiago de Compostela c'è anche un italiano. La conferma arriva dalla Farnesina. Si tratta di Dario Lombardo, nato a Forza d'Agrò, in provincia di Messina, ma residente in Germania. Aveva 25 anni.

Dario era su quel treno perche aveva perso l'aereo - Il giovane stava raggiungendo Santiago de Compostela, dove lo aspettavano degli amici. Secondo quanto riferito all'Ansa da Fabio Di Cara, sindaco di Forza d'Agrò, Dario era sul treno che è deragliato perché a Madrid aveva perso la coincidenza aerea. Invece di aspettare diverse ore un nuovo volo aveva preferito proseguire il suo viaggio in treno.

Arrestato il macchinista: guida spericolata - Intanto la polizia spagnola ha formalmente arrestato Francisco Jose Garzon Amo, 52anni, macchinista del treno ad altà velocità della Renfe, l'azienda ferroviaria pubblica. L'accusa è guida spericolata (TUTTE LE FOTO - I VIDEO). "Il macchinista - ha detto Jaime Iglesias, capo della polizia della Galizia - è formalmente agli arresti dalle 20 di giovedì 25 luglio".
Il treno, che sembrerebbe uscito dai binari a causa dell'eccessiva velocità, ha colpito un muro e si è incendiato appena fuori la città che accoglie ogni anno migliaia di pellegrini (il video della collisione). Francisco Jose Garzon Amo, in forza alle ferrovie spagnole Renfe da 30 anni e macchinista da 13 anni, ha ammesso che prima del deragliamento il convoglio stava procedendo a una velocità di 190 km/h, in un tratto che prevede una velocità massima di 80 km/h.
Interrogato dagli inquirenti nella giornata di venerdì 26 luglio si è però rifiutato di rispondere alle domande.

Leggi tutto