Abu Omar, rientrato negli Usa ex agente Cia fermato a Panama

1' di lettura

Robert Seldon Lady, arrestato giovedì 18, è stato liberato. Su di lui pende una condanna in Italia a 9 anni per il sequestro dell'imam egiziano. Le autorità panamensi: "Carte insufficienti da Roma". La Farnesina: "Falso, ma rispettiamo la decisione"

L'ex capocentro della Cia a Milano Robert Seldon Lady, condannato per il rapimento di Abu Omar e ricercato dall'Italia, è già di ritorno negli Stati Uniti. Era stato fermato a Panama su richiesta dell'Italia ma Panama, dopo averlo bloccato quasi per caso, ha deciso di lavarsene le mani, e adesso il nodo dell'estradizione in Italia passa direttamente a Washington, dove ha ben poche possibilità di essere sciolto.

Una repentina ripartenza - Il governo di Panama, storicamente in ottimi rapporti con Washington, ha tenuto un rigoroso silenzio sulla vicenda. L'ambasciatore a Washington, Mario Jamarillo, ha confermato che Seldon Lady era "stato arrestato" e ha affermato che "le procedure riguardanti questo tipo di detenzione internazionale" venivano in quel "momento seguite da Panama". Il risultato è stato che le autorità locali hanno consentito a Lady di ripartire, malgrado la richiesta di fermo provvisorio subito firmata dal ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri e inoltrata ieri pomeriggio dall'Italia a Panama per via diplomatica. Panama non ha un trattato di estradizione con l'Italia e la documentazione inviata dalle autorità italiane era "insufficiente", hanno affermato in serata fonti del ministero degli Esteri panamense.

La Farnesina replica ma accetta la decisione - Falso, replicano dal ministero della Giustizia, la richiesta di fermo provvisorio per Seldon Lady è stata "inoltrata tempestivamente" alle autorità panamensi non appena si è appreso della cattura e "non è pervenuta alcuna richiesta di supplemento di informazioni". Ad ogni modo a nulla evidentemente è valso il mandato di cattura diffuso all'Interpol, dopo che l'allora Guardasigilli Paola Severino il 21 dicembre decise di estendere per l'ex capocentro Cia le ricerche in campo internazionale, avendo esaminato le diverse posizioni ed essendo determinata dal fatto che Lady aveva avuto la condanna più alta: 9 anni, contro i 7 degli altri 22 esponenti della Cia giudicati, tutti in contumacia, per la stessa vicenda. Già il processo d'altra parte aveva causato un'insolita tensione tra Washington e Roma, poi allentata soprattutto dopo la decisione del 5 aprile scorso del presidente Giorgio Napolitano di concedere la grazia al colonnello Joseph Romano, responsabile statunitense della sicurezza della base di Aviano dove sostò l'aereo che portò l'ex imam in Germania e da lì in Egitto.

La delusione della Cancellieri - "Sono profondamente rammaricata per l'epilogo della vicenda", ha affermato il ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri aggiungendo: "La nostra domanda è stata disattesa senza plausibili spiegazioni. Una volta informato tramite Interpol che Seldon era stato arrestato a Panama, avevamo immediatamente fatto tutti i passi diplomatici per chiedere il fermo provvisorio al governo di Panama per poi attivare la procedura per l'estradizione. Con grande stupore sono costretta a constatare che la nostra domanda è stata disattesa senza plausibili spiegazioni".

Estradizione difficile - Non è chiaro quali saranno i passi futuri delle autorità italiane. A caldo, poco dopo che il Dipartimento di Stato aveva confermato che Lady è ripartito da Panama per gli Usa, alla Farnesina si è "preso atto" con rispetto delle decisioni delle autorità panamensi. Allo stesso modo, da New York, dove si trova per incontri all'Onu, il vice ministro degli Esteri Lapo Pistelli si è limitato ad affermare: "Ne prendo atto", ma "non voglio aggiungere altro".

Di certo, le possibilità di una estradizione di Lady in Italia appaiono ridotte. Basti pensare a come le autorità americane hanno protetto i marines coinvolti nella tragedia del 1998 della funivia del Cermis, o dell'uccisione di Andrea Calipari a Baghdad nel 2005. In ogni caso, in base al trattato d'estradizione firmato da Italia e Stati Uniti, Washington ha gli strumenti per evitare di consegnare a Roma l'ex agente della Cia. Forse anche per questo, il Washington Post che per primo aveva dato la notizia che Lady era in volo verso gli Stati Uniti - ha scritto che la cosa ha così portato a "una repentina chiusura del breve dramma diplomatico iniziato mercoledì, quando Lady è stato arrestato alla frontiera a Panama".

Leggi tutto